Catturato detenuto albanese evaso dal carcere di Trapani (ft)

Redazione

PRIMO PIANO

Catturato detenuto albanese evaso dal carcere di Trapani (ft)

di Redazione
Pubblicato il Giu 26, 2019
Catturato detenuto albanese evaso dal carcere di Trapani (ft)

E’ stato arrestato Leke Luca, il detenuto albanese evaso lunedì dal carcere “Pietro Cerulli” di Trapani. Le indagini che hanno portato alla cattura sono state condotte dal Nucleo Investigativo centrale della Polizia penitenziaria e dai Carabinieri del Nucleo investigativo.

L’uomo, già protagonista nel 2017 di una fuga dal carcere di Civitavecchia, era riuscito a saltare il muro di cinta dell’istituto di pena. Luca Leke è stato sorpreso mentre camminava a fianco della linea ferrata Trapani-Palermo, tra Dattilo e Fulgatore. Alla vista di carabinieri e polizia penitenziaria ha tentato di fuggire in mezzo ai campi, ma è stato bloccato. Gli investigatori stanno accertando se il giovane albanese abbia avuto il sostegno di qualche complice, sia per l’evasione che per la breve latitanza.

Il risultato raggiunto è frutto di un oculato ragionamento degli investigatori che, dopo aver predisposto punti d’osservazione permanenti su tutte le arterie stradali di collegamento con il centro di Trapani e presenziato le basi di partenza di autobus, navi e treni, dopo le prime 24 ore trascorse senza avere nessuna indicazione positiva, si immedesimavano nella mente del fuggitivo, ipotizzando quello che avrebbe potuto fare un soggetto in quelle condizioni: ossia solo, senza denaro, non conoscitore dei luoghi e di nazionalità straniera.

Il razionale ragionamento induceva gli investigatori ad ipotizzare che l’evaso, per potersi allontanare da Trapani senza incorrere in alcun tipo di controllo e quindi senza avvalersi di alcun veicolo o qualsiasi altro mezzo idoneo a tale scopo, poteva attuare il suo piano di fuga solo seguendo la linea ferrata che collega Trapani a Palermo ed attraversa zone di aperta campagna disabitate, in parte coltivate a grano o ricoperte da estesi canneti.

Dopo aver fatto un calcolo approssimativo sulla velocità che avrebbe potuto tenere un soggetto, obbligato a muoversi in condizioni ostili e con altissime temperature (37° al momento della sua cattura) ed ipotizzato in quale punto sarebbe potuto arrivare qualora l’ipotesi investigativa fosse stata attuata, si provvedeva a circoscrivere la zona d’interesse suddividendola in un unico grande quadrante.

Venivano quindi attivati, congiuntamente al personale del Nic, diverse squadre operative di ricerca che, partendo dai quattro punti cardinali, al termine del rastrellamento, si sarebbero dovuti trovare tutti nel probabile punto percorso dall’evaso.

Siffatta strategia, in effetti, si rivelava vincente, poiché, nel tardo pomeriggio del 26 giugno 2019, quasi in prossimità della linea ferroviaria della frazione di Bruca, venivano avvistato l’evaso che, alla vista delle prime pattuglie, si dava alla fuga nei campi di grado adiacenti.

Il suo tentativo, comunque, veniva vanificato dal contestuale arrivo delle altre pattuglie che, avendo avvistato il fuggitivo dai rispettivi punti d’osservazione, si lanciavano anch’essi all’inseguimento.

Dopo alcuni minuti l’evaso, che nel frattempo si era liberato di uno zaino e della magliettina, evidentemente per potersi muovere in modo più agevole, vedendosi circondato da più punti, si arrendeva senza opporre resistenza.

L’immediata perquisizione personale attuata dal personale operante, permetteva di rinvenire e sequestrare alcuni oggetti artigianali, ma estremamente efficaci: un cacciavite, un coltello, una coperta, ed una banconota da 50 euro.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04