Lampedusa, Patronaggio: ‘Demolizioni case abusive andranno avanti nei prossimi giorni’ (ft e vd)

Redazione

PRIMO PIANO

Lampedusa, Patronaggio: ‘Demolizioni case abusive andranno avanti nei prossimi giorni’ (ft e vd)

di Redazione
Pubblicato il Giu 18, 2019
Lampedusa, Patronaggio: ‘Demolizioni case abusive andranno avanti nei prossimi giorni’ (ft e vd)

Questa mattina, a Lampedusa, alla presenza del Procuratore della Repubblica di Agrigento, Dott. Luigi Patronaggio, hanno avuto inizio le attività di demolizione di alcuni villini abusivi realizzati all’interno della riserva naturale dell’isola dei conigli, ad assoluta inedificabilità. Le demolizioni fanno seguito ad una attività di mappatura a tappeto del territorio dell’isola da parte dei Carabinieri della locale Stazione i quali, sin dal 2018, hanno fornito all’Autorità Giudiziaria tutti gli accertamenti necessari ad evidenziare la natura abusiva di decine di immobili costruiti a ridosso della costa.

Le attività di abbattimento, iniziate oggi in una cornice di sicurezza garantita da Carabinieri, Polizia di Stato e Guardia di Finanza, proseguiranno nei prossimi mesi allo scopo di restituire le aree interessate alla loro totale inedificabilità.

“L’operazione partita nel luglio dello scorso anno si è articolata in tre fasi: ricognizione degli immobili abusivi con il contributo investigativo della locale stazione cc che ha permesso di individuare n 54 abusi; reperimento dei fondi e gara di appalto ad opera del comune di Lampedusa; cronoprogramma concordato delle demolizioni partendo da quelle realizzate in area ad inedificabilità assoluta”, dice il procuratore Luigi Patronaggio.

“Le operazioni andranno avanti nei prossimi giorni e fino ad esaurimento dei fondi posti in bilancio al comune di Lampedusa”, avverte il Procuratore.

Patronaggio afferma ulteriormente: “L’operazione antiabusivismo, partita nel luglio dello scorso anno, si è articolata in tre fasi: prima la ricognizione degli immobili abusivi con il contributo investigativo della stazione dei carabinieri che ha permesso di individuare, attraverso una precisa mappatura, i 54 abusi. Poi il reperimento dei fondi e gara di appalto ad opera del Comune di Lampedusa. Sono stati stanziati 200 mila euro e, infine, il cronoprogramma concordato delle demolizioni partendo da quelle realizzate in area ad inedificabilità assoluta. Le operazioni andranno avanti nei prossimi giorni e fino ad esaurimento dei fondi posti in bilancio al Comune di Lampedusa”.

Anche Legambiente dice la sua con Gianfranco Zanna, presidente di Legambiente Sicilia: “In queste ore sono iniziate le prime demolizioni di immobili abusivi a Lampedusa grazie all’azione della Procura della Repubblica di Agrigento e del Procuratore Luigi Patronaggio. Si ripristinano stato di diritto e integrità ambientale su un’isola di grande valore paesaggistico e naturalistico, vincolata dall’Unione Europea come Zona Speciale di Conservazione. L’abusivismo edilizio è una delle principali cause di consumo del suolo e di minaccia alla biodiversità e ricordiamo che in base all’ultimo censimento della Regione, Lampedusa è al quarto posto tra i comuni della provincia di Agrigento per numero di abusi e metri cubi di abuso edificato per abitante: dal 2009 al 2017 sono stati registrati 174 abusi (uno ogni 18 giorni), oltre 41.000 mc di costruito abusivo e oltre 6 mc per abitante. Grave l’assenza del vertice dell’amministrazione comunale sui luoghi, accanto alle istituzioni dello Stato – conclude Zanna – che hanno promosso questa azione. Noi abbiamo invece ritenuto doveroso essere lì stamattina”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04