Omicidio bracciante agricolo a Naro: attesi risultati dai cellulari sequestrati

Redazione

Naro

Omicidio bracciante agricolo a Naro: attesi risultati dai cellulari sequestrati

di Redazione
Pubblicato il Nov 12, 2019
Omicidio bracciante agricolo a Naro: attesi risultati dai cellulari sequestrati

E’ ripresa questa mattina, davanti la Corte d’Assise di Agrigento presieduta da Alfonso Malato con a latere il giudice Alessandro Quattrocchi, il processo a carico di Anisoara Lupascu, 39 anni, accusata di aver participato al massacro del bracciante agricolo trentasettenne Pinau Costantin, ucciso all’alba dell’8 luglio dell’anno scorso a Naro.

Per questa vicenda sono stati condannati a trent’anni di reclusione Vasile Lupascu, 45 anni, e Vladut Vasile Lupascu, 20 anni, rispettivamente marito e figlio di Ansiora Lupascu, unica della famiglia ad aver scelto la via del rito ordinario.

Questa mattina sarebbe dovuto comparire uno dei testi chiamati dalla difesa dell’imputata ma, secondo quanto emerso, si troverebbe all’estero. C’è invece molta più attesa sui risultati dei file audio estrapolati dal cellulare e dalla sim card sequestrata la scorsa udienza con ordinanza del giudice Malato alla figlia dell’imputata. Secondo la difesa in una delle registrazioni ci sarebbe l’alibi della Lupascu che al momento dell’omicidio si sarebbe trovata in un bar piuttosto che sulla scena del crimine. La difesa è affidata all’avvocato Diego Giarratana. La parte civile è rappresentata dagli avvocati Salvaggio e Scopelliti. L’accusa è sostenuta in aula dal sostituto procuratore Chiara Bisso.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04