Giudiziaria

Bancarotta e autoriciclaggio, 6 indagati: sequestrate auto di lusso, gioielli e conti correnti

Un imprenditore avrebbe distratto circa 650.000 euro dai conti correnti societari

Pubblicato 6 mesi fa

I militari del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Siracusa, in data odierna, hanno eseguito un decreto di sequestro, disposto dal G.I.P. del Tribunale di Siracusa, nei confronti di sei soggetti indagati per i reati di bancarotta fraudolenta ed autoriciclaggio.  Le investigazioni, dirette dalla Procura della Repubblica di Siracusa e condotte dalle Fiamme Gialle della Compagnia di Augusta, hanno fatto emergere come un imprenditore di origini genovesi, rappresentante legale di una società attiva nella zona industriale megarese, avesse distratto circa 650.000 euro dai conti correnti societari ed alcune autovetture aziendali nonostante avesse presentato una richiesta di concordato preventivo al Tribunale di Siracusa e non avesse più pagato i dipendenti. 

Le indagini svolte dai Finanzieri hanno consentito di ricostruire ulteriori episodi distrattivi da parte dell’imprenditore, di una sua conoscente e di alcuni loro parenti, a cui sono state corrisposte somme di denaro per circa 130.000 euro a titolo di stipendio da parte della società nonostante non avessero mai prestato alcuna attività lavorativa presso l’azienda. 

Sono state inoltre accertate operazioni di autoriciclaggio dei proventi della bancarotta per oltre 100.000 euro, che sono stati utilizzati per costituire nuove società riferibili all’imprenditore.  Sono tutt’ora in corso le operazioni di sequestro, che hanno già consentito di cautelare due autoveicoli di lusso, gioielli ed ingenti somme di denaro in contanti e sui conti correnti degli indagati.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *