Connect with us
Siracusa

Si finge agente segreto per conquistare una donna. Indagati due poliziotti

Per conquistare una donna, una 38enne, toscana, traduttrice di russo, ucraino e inglese, ingaggiata dalla Procura di Siracusa nell’ambito di alcune indagini su scafisti provenienti dall’Europa dell’Est, le avrebbe fatto credere di essere uno 007. Una spia del servizio segreto, insomma, e per renderle la storia più credibile, un agente di polizia, in servizio alla Questura di Siracusa, avrebbe […]

Pubblicato 4 settimane fa

Per conquistare una donna, una 38enne, toscana, traduttrice di russo, ucraino e inglese, ingaggiata dalla Procura di Siracusa nell’ambito di alcune indagini su scafisti provenienti dall’Europa dell’Est, le avrebbe fatto credere di essere uno 007. Una spia del servizio segreto, insomma, e per renderle la storia più credibile, un agente di polizia, in servizio alla Questura di Siracusa, avrebbe convinto un collega a tenergli il gioco. Entrambi, in quel periodo, risalente ad oltre due anni fa, lavoravano in un ufficio del palazzo di giustizia di Siracusa destinato ad occuparsi degli sbarchi dei migranti, poi soppresso dall’ex reggente della Procura, Fabio Scavone.
Il poliziotto sarebbe riuscito a costruisce un castello di bugie e ad un certo punto avrebbe fatto credere alla donna, con cui intreccia una relazione sentimentale, di essere stata anch’essa reclutata in una squadra, facente parte dell’ Agenzia informazioni e sicurezza esterna, dal suggestivo nome Argo, come il titolo di un film con protagonista Ben Affleck, che si occupa di anti terrorismo. Addirittura, i due finti 007 avrebbero asserito dell’esistenza di un sacerdote, anch’esso dei servizi segreti, che avrebbe telefonato al cellulare della donna, ma in realtà sarebbe stato uno dei due indagati con la voce camuffata.La vittima, finito il lavoro a Siracusa, si sarebbe recata ad Arezzo, la sua città, e la relazione con l’agente di polizia si sarebbe interrotta ma lui, secondo quanto emerge nelle indagini della Procura di Roma, a cui la sorella della donna, una carabiniera, si è  rivolta, come riportato nelle cronache di Roma del Corriere della Sera, le avrebbe installato un software per spiarla, spiegando poi che lo avrebbe fatto per proteggerla perché il suo ex fidanzato e la sua migliore amica sarebbero stati in una setta satanica. Gli inquirenti sono riusciti, però, a ricostruire la vicenda e quell’incubo per la traduttrice è finito anche se, grazie al sostegno dell’associazione “bont’ worry” sta seguendo un percorso sotto l’aspetto psicologico per via di questa esperienza traumatica.

Per conquistare una donna, una 38enne, toscana, traduttrice di russo, ucraino e inglese, ingaggiata dalla Procura di Siracusa nell’ambito di alcune indagini su scafisti provenienti dall’Europa dell’Est, le avrebbe fatto credere di essere uno 007. Una spia del servizio segreto, insomma, e per renderle la storia più credibile, un agente di polizia, in servizio alla Questura di Siracusa, avrebbe convinto un collega a tenergli il gioco. Entrambi, in quel periodo, risalente ad oltre due anni fa, lavoravano in un ufficio del palazzo di giustizia di Siracusa destinato ad occuparsi degli sbarchi dei migranti, poi soppresso dall’ex reggente della Procura, Fabio Scavone.

Il poliziotto sarebbe riuscito a costruisce un castello di bugie e ad un certo punto avrebbe fatto credere alla donna, con cui intreccia una relazione sentimentale, di essere stata anch’essa reclutata in una squadra, facente parte dell’ Agenzia informazioni e sicurezza esterna, dal suggestivo nome Argo, come il titolo di un film con protagonista Ben Affleck, che si occupa di anti terrorismo. Addirittura, i due finti 007 arebbero asserito dell’esistenza di un sacerdote, anch’esso dei servizi segreti, che avrebbe telefonato al cellulare della donna, ma in realtà sarebbe stato uno dei due indagati con la voce camuffata.

La vittima, finito il lavoro a Siracusa, si sarebbe recata ad Arezzo, la sua città, e la relazione con l’agente di polizia si sarebbe interrotta ma lui, secondo quanto emerge nelle indagini della Procura di Roma, a cui la sorella della donna, una carabiniera, si è  rivolta, come riportato nelle cronache di Roma del Corriere della Sera, le avrebbe installato un software per spiarla, spiegando poi che lo avrebbe fatto per proteggerla perché il suo ex fidanzato e la sua migliore amica sarebbero stati in una setta satanica. Gli inquirenti sono riusciti, però, a ricostruire la vicenda e quell’incubo per la traduttrice è finito anche se, grazie al sostegno dell’associazione “bont’ worry” sta seguendo un percorso sotto l’aspetto psicologico per via di questa esperienza traumatica.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

09:48
10:31 - Agrigento, ladri alla scuola media: rubati pc e tablet +++10:02 - Mancata esecuzione della Mobilità Interna Asp 1 Agrigento, la diffida del sindacato FSI USAE +++09:41 - In casa un chilo di hashish, arrestato nel palermitano +++08:54 - Canicattì, fucilata contro un 37enne: è grave +++08:35 - Canicattì, un nuovo stadio nei terreni confiscati alla mafia: l’idea del Comune +++08:13 - Agrigento, scarica pannelli solari senza autorizzazione: multata una ditta +++08:07 - Grotte, rubati venti bidoni di olio da un magazzino: indagini +++07:59 - La sentenza “Xydi” rilancia la lotta a Cosa nostra +++07:58 - Agrigento: rubano soldi, pc e cellulare da negozio: due denunce  +++07:50 - Agrigento, colpi di sedia in centro di accoglienza per usare il bagno: donna in ospedale +++
10:31 - Agrigento, ladri alla scuola media: rubati pc e tablet +++10:02 - Mancata esecuzione della Mobilità Interna Asp 1 Agrigento, la diffida del sindacato FSI USAE +++09:41 - In casa un chilo di hashish, arrestato nel palermitano +++08:54 - Canicattì, fucilata contro un 37enne: è grave +++08:35 - Canicattì, un nuovo stadio nei terreni confiscati alla mafia: l’idea del Comune +++08:13 - Agrigento, scarica pannelli solari senza autorizzazione: multata una ditta +++08:07 - Grotte, rubati venti bidoni di olio da un magazzino: indagini +++07:59 - La sentenza “Xydi” rilancia la lotta a Cosa nostra +++07:58 - Agrigento: rubano soldi, pc e cellulare da negozio: due denunce  +++07:50 - Agrigento, colpi di sedia in centro di accoglienza per usare il bagno: donna in ospedale +++