In scena ad Agrigento “La governante” di Brancati con Enrico Guarneri superstar (gallery)

Diego Romeo

Agrigento

In scena ad Agrigento “La governante” di Brancati con Enrico Guarneri superstar (gallery)

di Diego Romeo
Pubblicato il Dic 23, 2018
In scena ad Agrigento  “La governante” di Brancati con Enrico Guarneri superstar (gallery)

«La moralità italiana consiste tutta nell’istituire la censura” – afferma il personaggio di Alessandro Bonivaglia neLa governante”.

 Non solo non vogliono leggere o andare a teatro, ma vogliono essere sicuri che nelle commedie che non vedono e nei libri che non leggono non ci sia nessuna delle cose che essi fanno e dicono tutto il giorno». 

Siamo al quarto appuntamento  con il cartellone del Teatro  Pirandello e come previsto registriamo un  passato storico che ritorna a valanga e un teatro come specchio della vita. Con un Vitaliano Brancati salvifico fustigatore della nostra Italietta  come lo fu  il salvifico Oscar Wilde per la  società vittoriana.

La brancatiana “governante” super-censurata nel 1952, riprecipita sulla scena di una Italietta (anche agrigentina) e ancora una volta deve sgombrare il campo dei vizi privati e delle pubbliche virtù con un impatto che continua a essere disturbante.

Il cast della commedia stavolta ha una ossatura solidamente siciliana, salvo per la Milicchio che è di Catanzaro.  Per il resto, tolta per indisposizione  Ornella  Muti e sua figlia  Naike, tutto sembra siculo-castale, a iniziare dal regista Guglielmo Ferro e dall’interprete Francesca Ferro che raccolgono l’eredità del loro grande padre Turi Ferro.

E che dire di Enrico Guarneri (qui Leopoldo Platania) sempre puntuale e “abbonato” ad una grandezza attoriale che ci lascia sempre ammirati.

In qualsiasi commedia metteteci Enrico e avrete  sempre l’indiscussa  potenza  teatrale di un “Enrico IV”.

E anche in questa commedia Guarneri è naturalmente trainante per un gruppo di interpreti dove, a nostro parere, risalta  la cameriera Jana (Nadia De Luca, se non andiamo errati).

La copertura siciliana si completa con il produttore Francesco Bellomo, agrigentino  sempre presente  in vario ruolo nel cartellone della Fondazione e che  scegliendo  “La governante” riprende in mano il coraggio dei tempi andati quando portava ad AgrigentoNotturno di donna con ospiti”, di Annibale Ruccello.

Con “La governante”, Bellomo sembra essersi  messo sulla scia di Anna Proclemer quando annunciava ”riproporre al pubblico questa Governante è un segno, forse, che i fatti privati, i sentimenti personali, contano alla fine più di ogni altra cosa – E che finché continueremo a fare con il teatro delle esercitazioni di stile, sia pure ad alto livello, saremo condannati all’insoddisfazione e alla crisi. O il teatro diventa specchio della nostra vita personale e segreta, a tutti i livelli, o saremo ridotti all’ alienazione e alla nevrosi”. 

Ma la Proclemer veniva fuori dai decenni di censura che avevano condannato la commedia del marito Vitaliano a non essere rappresentata. Quella stessa censura poi  bocciata  dai tempi  e dalla storia che ci ha visto succubi  delle dicerie andreottiane e inutilmente bigotte.

E oggi, con l’incalzare del “sovranismo” più o meno psichico, come dice il Censis, fino a che punto riusciremo a essere “depurati”?

Tutto da verificare quanto saranno consapevoli i direttori artistici dei nostri teatri, nel dare  risposte alla domanda sociale più vasta possibile  piuttosto che agli affari dei loro padrini politici e alle declinazioni personalistiche.

Testo e foto di Diego Romeo


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04