Cellulari e droga in carcere, 5 condanne: c’è anche empedoclino

Redazione

| Pubblicato il mercoledì 24 Novembre 2021

Cellulari e droga in carcere, 5 condanne: c’è anche empedoclino

Due anni la condanna inflitta all'empedoclino
di Redazione
Pubblicato il Nov 24, 2021

Il gup del tribunale di Palermo, Marco Gaeta, ha disposto cinque condanne nell’ambito del processo col rito abbreviato a carico di altrettante persone per la vicenda del rinvenimento di sostanza stupefacente e cellulari all’interno del carcere di Augusta.

Otto anni sono stati inflitti a Fabrizio Tre Re; quattro anni alla moglie di quest’ultimo, Teresa Altieri; sei anni di reclusione a Rosario Di Fiore mentre due anni sono stati inflitti a James Burgio, 28enne di  Porto Empedocle. Tre anni, infine, all’agente di polizia penitenziaria Giuseppe Scafidi.

Attraverso intercettazioni telefoniche e ambientali sono stati in oltre acquisiti ulteriori elementi di prova relativi ad un commercio illecito di sostanze stupefacenti. E’ stato, infatti, possibile documentare alcuni episodi in cui telefonini illecitamente introdotti in carcere sono stati utilizzati dai detenuti per la vendita di droga.

Di uno di questi episodi si e’ reso responsabile lo stesso Tre Re che ha trattato telefonicamente con James Burgio, detenuto nel carcere di Augusta, la vendita a dei complici in liberta’ di una partita di circa 5 chili di droga.

di Redazione
Pubblicato il Nov 24, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl