Licata, durante blitz carabinieri salvano bimbo di 3 anni che stava soffocando (ft e vd)

Redazione

Agrigento

Licata, durante blitz carabinieri salvano bimbo di 3 anni che stava soffocando (ft e vd)

di Redazione
Pubblicato il Ott 10, 2019
Licata, durante blitz carabinieri salvano bimbo di 3 anni che stava soffocando (ft e vd)

di Irene Milisenda e Giuseppe Castaldo

Un milione di euro.

A tanto ammonta il danno procurato ad Enel Spa e a Girgenti acque da 24 capi famiglia che avevano fornito abusivamente alle proprie abitazioni acqua e luce.

Lo ha spiegato il comandante dei carabinieri di Agrigento, col. Giovanni Pellegrino nel corso di una conferenza stampa appositamente convocata.

Il blitz, compiuto da una cinquantina di carabinieri è questo: Ventiquattro persone, residenti in due diverse palazzine di Licata (Ag), sono state arrestate dai carabinieri per furto aggravato. I militari sospettavano che in alcuni palazzi ci fossero degli allacci abusivi alle reti idriche ed elettriche. Una cinquantina di carabinieri hanno dato corso al blitz e in flagranza di reato hanno proceduto a 24 arresti. In alcuni casi, le bollette non venivano pagate da 7 anni. Il danno, per le società che si occupano della gestione dei servizi, si aggira intorno ad un milione di euro. Tutti rispondo di furto aggravato.

L’indagine è coordinata dal pubblico ministero Sara Varazi.

Durante il blitz, è stato salvato un bimbo di tre anni che stava soffocando. Almeno è questa la nota positiva dell’operazione così spiegata dal col. Pellegrino: Durante i controlli mentre si stava facendo il sopralluogo i militari hanno sentito da un’abitazione delle urla: un bambino si stava strozzando con una gomma da masticare e lo hanno salvato.

Le interviste


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04