Aragona

“Spinse dalle scale l’ex nuora durante lite”, condanna definitiva per 59enne 

La ragazza, all’epoca dei fatti fidanzata con il figlio dell’imputato, riportò una frattura con una prognosi di 74 giorni

Pubblicato 3 settimane fa

Diventa definitiva la condanna a nove mesi di reclusione nei confronti di Calogero Volpe, 59 anni, di Agrigento, per il reato di lesioni personali. Lo ha stabilito la settima sezione penale della Corte di Cassazione che ha dichiarato inammissibile il ricorso avanzato dalla difesa dell’imputato. Il cinquantanovenne dovrà altresì pagare le spese processuale e una provvisionale di 7.500 euro alla persona offesa. L’uomo era finito a processo per aver spinto dalla scale l’ex fidanzata del figlio a margine di una lite in famiglia. La vicenda risale ai primi giorni del 2017.

In primo grado era stato condannato ad un anno e otto mesi di reclusione dal tribunale di Agrigento. La pena era stata poi ridotta in Appello a nove mesi di reclusione alla luce dell’esclusione dell’aggravante dei futili motivi. Secondo la ricostruzione Volpe, in seguito ad alcuni screzi familiari, spinse giù dalle scale l’allora fidanzata trentenne del figlio. La giovane, che assistita dall’avvocato Vincenzo Caponnetto si è costituita parte civile, riportò la frattura parcellare del margine mediale della superficie articolare dell’astragalo con una prognosi di 74 giorni.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *