Castrofilippo ricorda l’appuntato Bartolotta, morto nell’attentato al giudice Chinnici

Redazione

| Pubblicato il venerdì 29 Luglio 2022

Castrofilippo ricorda l’appuntato Bartolotta, morto nell’attentato al giudice Chinnici

Castrofilippo questa mattina ha reso omaggio all’appuntato dei carabinieri Salvatore Bartolotta
di Redazione
Pubblicato il Lug 29, 2022

Castrofilippo questa mattina ha reso omaggio all’appuntato dei carabinieri Salvatore Bartolotta, 39 anni dopo la strage di via Pipitone Federico dove oltre a lui persero la vita il giudice Rocco Chinnici, il maresciallo Mario Trapassi ed il portiere dello stabile Stefano Li SacchiAlla cerimonia voluta dall’Arma dei carabinieri, in collaborazione con il comune erano presenti :  il comandante provinciale il colonnello Vittorio Stingo,  il comandante provinciale  della Guardia di Finanza il colonnello Rocco Lopane, il comandante della compagnia carabinieri di Canicattì, Maggiore Luigi Pacifico, il dirigente del commissariato di Canicattì, Francesco Sammartino, il comandante della capitaneria di Porto di Porto Empedocle il Capitano di Fregata  Fabio Serafino.

Presenti anche il commissario del libero consorzio provinciale di Agrigento, Raffaele Sanzo, il sindaco di Castrofilippo Franco Badalamenti, il suo vice Mariella Acquista, gli assessori , Salvatore Alessi, Tatiana Pletto  il presidente del consiglio comunale Salvatore Graci. Ha partecipato il giornalista Felice Cavallaro, Presidente dell’associazione Strada degli Scrittori. La cerimonia ha visto la deposizione di un mazzo di fiori sulla tomba del militare, la celebrazione di una messa officiata dall’arciprete don Gianluca Arcuri ed una visita alla “Scala della Memoria”  dedicata a tutte le vittime innocenti della Mafia. Presenti anche alcuni parenti del militare nato a Castrofilippo.  All’appuntato Salvatore Bartolotta è stata tributata la Medaglia d’Oro al Valor Civile “alla memoria” con la seguente motivazione: “Preposto al servizio di tutela a magistrato tenacemente impegnato nella lotta contro la criminalità organizzata, assolveva il proprio compito con alto senso del dovere e serena dedizione pur consapevole dei rischi personali connessi con la recrudescenza degli attentati contro rappresentanti dell’Ordine Giudiziario e delle Forze di Polizia. Barbaramente trucidato in un proditorio agguato, tesogli con efferata ferocia, sacrificava la vita a difesa dello Stato e delle istituzioni”.

di Redazione
Pubblicato il Lug 29, 2022


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl