Mafia, chiesti 20 anni di carcere per imprenditore edile

Redazione

Mafia, chiesti 20 anni di carcere per imprenditore edile
| Pubblicato il martedì 24 Novembre 2020

Mafia, chiesti 20 anni di carcere per imprenditore edile

Imprenditore edile di Castelvetrano accusato di associazione mafiosa
di Redazione
Pubblicato il Nov 24, 2020

Il pm della Dda di Palermo Alessia Sinatra ha chiesto al Tribunale di Marsala la condanna a 20 anni di reclusione per Nicolo’ Clemente, 52 anni, imprenditore edile di Castelvetrano accusato di associazione mafiosa. 

Nel luglio 2018, Clemente venne arrestato dalla Dia di Trapani che esegui’ anche il sequestro preventivo di due societa’ edili ritenute a lui riconducibili e diverse perquisizioni. L’operazione si inseri’ nell’ambito di attivita’ mirate a colpire presunti consociati mafiosi ritenuti vicini al superlatitante Matteo Messina Denaro. 

Le indagini erano scaturite dalle dichiarazioni del collaboratore di giustizia, poi deceduto, Lorenzo Cimarosa, cugino acquisito di Matteo Messina Denaro, e , anche se in misura minore, dall’imprenditore Giuseppe Grigoli, entrambi condannati in via definitiva in quanto ritenuti appartenenti alla famiglia mafiosa di Castelvetrano.

di Redazione
Pubblicato il Nov 24, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings