Mafia, colpo al mandamento di Tommaso Natale: 8 arresti

Redazione

| Pubblicato il mercoledì 21 Luglio 2021

Mafia, colpo al mandamento di Tommaso Natale: 8 arresti

L'indagine ruota attorno alla figura del boss Giulio Caporrimo
di Redazione
Pubblicato il Lug 21, 2021

I Carabinieri del Comando provinciale di Palermo hanno eseguito un’ordinanza cautelare in carcere (una ai domiciliari) emessa dal gip Lorenzo Jannelli nei confronti di otto indagati ritenuti componenti del mandamento mafioso di Tommaso Natale, accusati a vario titolo di associazione per delinquere di tipo mafioso, estorsioni aggravate e danneggiamento seguito da incendio. L’operazione antimafia ‘Bivio 2′, la seconda in due giorni a Palermo, e’ stata coordinata da un pool di magistrati della Dda guidati dal procuratore aggiunto Salvatore De Luca.

Gli arrestati. Giulio Caporrimo, 52 anni; il figlio Francesco Caporrimo, 27 anni; Vincenzo Billeci, 52 anni; Antonino Ciaramitaro, 29 anni; Fabio Gloria, 46 anni; Vincenzo Taormina, 49 anni; Giuseppe Vassallo, 56 anni. Il gip ha disposto gli arresti domiciliari per Fabio Ventimiglia, 44 anni, ma anche per Salvatore Giallombardo, 40 anni, attualmente ricercato. Giulio Caporrimo, Giulio, Billeci, Ciaramitaro, Gloria e Taormina sono gia’ detenuti per altra causa ma il gip Lorenzo Jannelli ha ravvisati il “grave quadro indiziario per it reato di cui all’art. 416 bis”, con funzioni direttive per Giulio Caporrimo.

Le indagini del Nucleo investigativo del comando provinciale dei carabinieri di Palermo sono state coordinate dal procuratore aggiunto della Direzione distrettuale antimafia Salvatore De Luca e dai sostituti Dario Scaletta e Felice De Benedittis.

L’indagine ruota attorno alla figura del boss Giulio Caporrimo, gia’ arrestato in passato. Negli anni il nucleo investigativo dei carabinieri aveva gia’ assestato duri colpi al mandamento di Tommaso Natale con le operazioni Oscar (2011), Apocalisse (2014), Talea (2017), Cupola, 2.0 (2018/2019), Teneo (2020), e Bivio (2021). Proprio a quest’ultima operazione del gennaio scorso si ricollega il blitz odierno che ruota attorno alla figura di Giulio Caporrimo. Quest’ultimo, tornato in liberta’ nel maggio del 2019, per volonta’ del boss Calogero Lo Piccolo trovo’ al vertice del mandamento un nuovo capo, Francesco Palumeri. Caporrimo prima si trasferi’ a Firenze per prendere le distanze dal nuovo assetto che non condivideva e poi, dopo aver costretto il rivale a fare un passo indietro, fece rientro a Palermo da reggente ricompattando il mandamento. Con questa nuova indagine i carabinieri avrebbero fatto luce su una serie di gravi reati commessi dagli arrestati, a cominciare dallo stesso Giulio Caporrimo e dal figlio Francesco che avevano investito sulle scommesse on line, uno dei settori piu’ a rischio per infiltrazioni mafiose. Uno degli arrestati, Giuseppe Vassallo, palermitano trasferitosi a Firenze, grazie agli accordi con Giulio Caporrimo e Antonino Vitamia, commercializzava i propri siti per le scommesse on line proprio sul territorio del mandamento di Tommaso Natale, riconoscendo parte degli utili alla famiglia mafiosa.

Anche nel blitz antimafia di oggi sul mandamento mafioso di Tommaso Natale che ha portato all’arresto di otto persone, cosi’ come nell’operazione di ieri sui clan di Brancaccio e Ciaculli, emerge la continua richiesta del pizzo nei confronti delle imprese che operano sul territorio. Gli investigatori hanno accertato 11 estorsioni e due tentativi non andati a buon fine, mentre solo in due casi le vittime hanno denunciato spontaneamente le pressioni subite. I carabinieri hanno ricostruito diverse intimidazioni, spesso con attentati incendiari, messe in atto dagli uomini di Giulio Caporrimo per scalzare i concorrenti e accaparrarsi alcuni appalti. E’ il caso dell’incendio doloso ai danni di un esercizio commerciale di Sferracavallo. Un attentato che sarebbe stato ideato da Caporrimo, dal figlio Francesco e da Francesco Ventimiglia per ottenere la gestione del locale. L’attentato doveva servire a vincere la resistenza del titolare. Con un altro rogo e’ stato colpito un cantiere edile per la realizzazione della rete fognaria sempre a Sferracavallo. A ideare l’intimidazione sarebbero stati Antonino Vitamia e Vincenzo Taormina per ottenere alcuni lavori in sub appalto. Anche il furgone di una ditta di costruzioni fu danneggiato dal fuoco mentre le microspie dei carabinieri registravano tutto “in diretta”. Un’altra intimidazione colpi’ una societa’ edile che stava svolgendo lavori di ristrutturazione in un immobile, con l’obiettivo di ottenere la commessa per lavori di impiantistica. Diversi gli episodi accertati anche ai danni di commercianti della zona. La cosca faceva profitti anche grazie ai cosiddetti “cavalli di ritorno”, le somme che gli uomini di Caporrimo si facevano consegnare per la restituzione di veicoli rubati.

Il Generale Guarino: “ringrazio i due imprenditori per le denunce”

Con l’operazione ‘Bivio2′ i carabinieri di Palermo completano un intervento sullo storico mandamento mafioso di San Lorenzo-Tommaso Natale (che si estende dai quartieri nord della citta’ fino al golfo d Carini). Lo ha detto il generale di Brigata Arturo Guarino, comandante provinciale carabinieri di PALERMO. “In dieci anni – aggiunge – sono sette le operazioni dell’Arma contro questa struttura di Cosa nostra, della quale seguiamo le gerarchie criminali e le attivita’ sul territorio. Ancora una volta i figli dei boss che subentrano ai padri arrestati, ancora una volta la documentazione di estorsioni e della violenza che esse portano, soprattutto nel settore edilizio. Ma desidero ringraziare i due imprenditori che hanno denunciato, segno di quella fiducia nella giustizia che cerchiamo di sostenere con tutto il nostro impegno”.

di Redazione
Pubblicato il Lug 21, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl