Connect with us
PRIMO PIANO

Messina Denaro, trovata l’auto poco lontano dal terzo covo

Sarebbe stato lo stesso boss Matteo Messina Denaro, nel gennaio dello scorso anno, ad acquistare personalmente il mezzo in una concessionaria di Palermo

Pubblicato 1 settimana fa

È stata ritrovata dalla polizia la Giulietta del boss Matteo Messina denaro.

Proprio grazie alla macchina gli investigatori riuscirono a risalire al primo covo del boss individuato a Campobello di Mazara. Nel borsello trovato al capo mafia dopo l’arresto c’era una chiave. Dal codice della chiave, i pm sono arrivati alla Giulietta, poi gli investigatori hanno ricostruito, grazie un sistema di intelligenza artificiale, gli spostamenti del veicolo del capo mafia risalendo al suo nascondiglio di vicolo San Vito. Ma solo ora la Giulietta è stata ritrovata. Sul posto c’è il procuratore aggiunto Paolo Guido.

La Giulietta era parcheggiata in una sorta di garage, a poca distanza dalla casa di Giovanni Luppino, l’incensurato che ha accompagnato con la sua auto, una Fiat Bravo, Matteo Messina Denaro alla clinica dove entrambi sono stati arrestati lunedì.

L’ipotesi investigativa è che il capomafia, il giorno del blitz, sia andato in auto dal suo covo in vicolo San Vito a casa di Luppino – che vive a poca distanza dal luogo in cui la Giulietta è stata scoperta – e che insieme all’autista poi si sia diretto alla casa di cura per le terapie.

Nel gennaio del 2022 il boss Matteo Messina Denaro avrebbe personalmente acquistato, in una concessionaria di Palermo, la Giulietta oggi individuata e sequestrata dalla polizia, usata dal capomafia nell’ultimo anno di latitanza. I documenti della macchina sono stati trovati nel covo di vicolo San Vito individuato martedì dai carabinieri.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

18:28
17:54 - Akragas fermata in casa dal Casteldaccia +++16:49 - Castronovo e Farulla (Circolo PD Palma): “Con Bonaccini per il rilancio di un partito  popolare e aperto” +++16:16 - Messina Denaro, una donna: “L’ho frequentato, non sapevo fosse lui” +++15:24 - Le associazioni “Motorlife” e “L’angelo Federico onlus” nei corridoi dell’Ospedale San Marco +++15:03 - Minaccia con coltello la moglie, arrestato +++12:41 - Calcio a 5, vittoria per il Città di Canicattì contro il Pedara +++11:28 - Caso Suv, la Corte dei Conti cita due dirigenti del Comune: “Soldi sperperati” +++10:57 - Sambuca di Sicilia, rubate due moto da cross: indagini in corso +++10:32 - Alla Valle dei Templi tre alberi intitolati a Moncada, Fasulo e Fofò Purtuso +++10:03 - Il Tennis Club Città di Favara al II posto tra le scuole di Sicilia +++
17:54 - Akragas fermata in casa dal Casteldaccia +++16:49 - Castronovo e Farulla (Circolo PD Palma): “Con Bonaccini per il rilancio di un partito  popolare e aperto” +++16:16 - Messina Denaro, una donna: “L’ho frequentato, non sapevo fosse lui” +++15:24 - Le associazioni “Motorlife” e “L’angelo Federico onlus” nei corridoi dell’Ospedale San Marco +++15:03 - Minaccia con coltello la moglie, arrestato +++12:41 - Calcio a 5, vittoria per il Città di Canicattì contro il Pedara +++11:28 - Caso Suv, la Corte dei Conti cita due dirigenti del Comune: “Soldi sperperati” +++10:57 - Sambuca di Sicilia, rubate due moto da cross: indagini in corso +++10:32 - Alla Valle dei Templi tre alberi intitolati a Moncada, Fasulo e Fofò Purtuso +++10:03 - Il Tennis Club Città di Favara al II posto tra le scuole di Sicilia +++