Agrigento, canzoni in jazz in memoria di Mariuccia Linder

Diego Romeo

Agrigento

Agrigento, canzoni in jazz in memoria di Mariuccia Linder

di Diego Romeo
Pubblicato il Mag 5, 2019
Agrigento, canzoni in jazz in memoria di Mariuccia Linder

Tutto un concerto di “canzoni in jazz” dedicato alla memoria dell’attrice agrigentina Mariuccia Linder.

Promosso dall’Associazione “Teatranima” di Agrigento e dal suo direttore artistico Salvo Di Salvo, il concerto sigla la parte finale di una lunga e interessante rassegna teatrale (dedicata alla Linder) con protagonista la cantautrice Francesca Cosentino. Un nostalgico reading di canzoni molto note è stato accompagnato dal pianista Edoardo Savatteri e dal fisarmonicista  Angelo Sanfilippo su piacevoli modulazioni jazzistiche.

Ma non solo, il concerto nella sua familiare e affettuosa dedica alla Linder si è rivelato  il  controcampo  dei rutilanti e psichedelici concerti che oggi siamo abituati a vedere in tv o nei grandi spazi  delle arene.

Salvo Di Salvo Amato e Francesca Cosentino

 Francesca Cosentino si è presentata con tutta la sua dichiarata timidezza, senza un filo di maquillage e per niente avvolta dalle solite sciabolate di luce dei riflettori multicolori  ma con l’agevolazione delle luci manovrate in discrete dissolvenze incrociate da Tonino Bruccoleri.

E forse anche per questo gli applausi  sono stati sempre calorosi  fino alla richiesta del “bis” che lei ha concesso intonando “Arrivederci” di Umberto Bindi.

Un felice ritorno sulle scene, questo della Cosentino che in anni passati abbiamo visto in documentari su Sky tra le figure femminili emergenti in Sicilia e autrice di testi teatrali come  “Le cattive” che fu messo in scena al Posta vecchia per la regia di Beniamino Biondi e che aprì un varco, nel 2013, alle altre numerose esibizioni del cospicuo ensemble attoriale e registico agrigentino. 

Una stagione che oggi “Teatranima” ha voluto riprendere e rilanciare con la rassegna teatrale in memoria della Linder che sarà ulteriormente ricordata fra qualche settimana con uno spettacolo appositamente allestito da Vincenzo La Mendola regista e costumista che diresse la Linder in alcuni spettacoli di rilievo.

Ci piace ricordare, ad esempio, l’opera musicale “Empedocle” di Filippo Portera con la regia di La Mendola andata in scena nello spazio dell’Orto botanico e in cui la Linder recitava insieme a Maria Rosa Montalbano, Angela Russo Cirillo e Vincenzo Catanzaro il cui spettacolo “Un caffè con Pirandello” si trova in cartellone della rassegna dedicata alla Linder.

Eterni ritorni che varrebbe  la pena ricordare.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04