Mafia, attirato in trappola e ucciso: ergastolo a killer

Redazione

Siracusa

Mafia, attirato in trappola e ucciso: ergastolo a killer

di Redazione
Pubblicato il Mar 9, 2019
Mafia, attirato in trappola e ucciso: ergastolo a killer

I giudici della Corte di Appello di Catania hanno condannato all’ergastolo Pasqualino Mazzarella per l’omicidio di Liberante Romano, ammazzato nel maggio del 2002 a colpi di pistola e poi dato alle fiamme.

Un delitto di mafia avvenuto in una villa, a Fontane Bianche zona balneare a sud di Siracusa, dove la vittima fu attirata in trappola dai componenti del clan Bottaro-Attanasio che avrebbero fatto pagare con la vita i propositi di autonomia della vittima.

Per questo delitto sono stati gia’ condannati in via definitiva Salvatore Calabro’ e Giuseppe Calabrese ma a tirare in ballo Mazzarella sono state le rivelazioni di due collaboratori di giustizia. L’imputato avrebbe provveduto a liberarsi del cadavere dato alle fiamme insieme alla macchina della vittima trovata dai carabinieri il giorno successivo al delitto in una zona di campagna tra Fontane Bianche ed Avola.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04