Sale giochi abusive. Denunciate due persone

Redazione

Palermo

Sale giochi abusive. Denunciate due persone

di Redazione
Pubblicato il Mag 16, 2019
Sale giochi abusive. Denunciate due persone

I Carabinieri di Palermo, congiuntamente agli ispettori dell’Agenzia Dogane e Monopoli della  Sezione Controlli di Palermo, lo scorso fine settimana, durante servizi finalizzati a garantire il rispetto delle norme a tutela del gioco lecito e responsabile, hanno deferito in stato di libertà due persone. A seguito del controllo presso una sala scommesse in zona Via Montalbo, i militari hanno contestato alla titolare, l’esercizio abusivo di attività di giuoco o scommessa e mancata esposizione della tabella dei giochi proibiti, accertando che non era in possesso della licenza per l’esercizio dell’attività, oltre a non esporre il previsto quadro con l’elenco dei giochi non autorizzati. Contestate varie violazioni amministrative tra cui: la presenza di apparecchi o congegni non rispondenti alle caratteristiche ed alle prescrizioni previste dalle norme, raccolta di scommesse per eventi non inseriti nel palinsesto, la mancata comunicazione inizio attività all’autorità di P.S., l’assenza importo minimo delle scommesse, l’omesso versamento dell’ISI – imposta sugli intrattenimenti – relativa ad apparecchi e congegni per il gioco lecito. Sono state elevate sanzioni per un totale di 193.750 €, è stata inoltre intrapresa una verifica tributaria, con sanzioni da irrogare superiori a 500.000 €.

Nel secondo caso in zona Bonagia, il titolare di una sala giochi non aveva esposto la tabella dei giochi proibiti all’interno dell’attività. Contestate sanzioni amministrative per 1.032 € perché nel locale venivano dei giochi senza licenza. All’interno dell’esercizio sono stati identificati alcuni avventori con precedenti di polizia.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04