Festa della Legalità, riconoscimento all’Ordine dei Medici di Agrigento

Redazione

| Pubblicato il mercoledì 12 Maggio 2021

Festa della Legalità, riconoscimento all’Ordine dei Medici di Agrigento

A ritirare l’Attestato, per conto dell’Omceo di Agrigento, il presidente Santo Pitruzzella
di Redazione
Pubblicato il Mag 12, 2021

Un anno dopo l’inizio della pandemia, a ricordarsi dei “nostri eroi”, sono il Comune di Favara e il comitato organizzatore della XXIII edizione della Festa della Legalità, coordinati dal dottore Gaetano Scorsone e dal sindaco di Favara, Anna Alba, che hanno deciso di conferire all’Ordine dei medici chirurghi e degli odontoiatri della provincia di Agrigento (Omceo) l’attestato di Benemerenza, durante la cerimonia svoltasi a Favara nei giorni scorsi.

“Per aver saputo contrastare, con scienza e sensibilità – si legge sull’Attestato – le insidie di una delle più pericolose e aggressive minacce epidemiologiche conosciute dall’umanità intera. Predisponendo dei validissimi sistemi di protezione, i medici sia nel territorio che negli ospedali, hanno cercato, da subito, di contenere la progressione e l’impatto, soprattutto sui soggetti più vulnerabili e, quindi, più a rischio di vita, spengendosi talora all’estremo sacrificio senza mai sottrarsi alle proprie responsabilità personali e professionali, per onorare le quali sono sempre rimasti al fianco dei loro pazienti al fine di lenire le loro sofferenze. La presenza alla XIII Edizione della Festa della Legalità nella veste di Istituzione Madrina ha conferito alla manifestazione maggiore solennità per il nobile esempio offerto, consentendo alla comunità cittadina di tributare i sentimenti di sincera gratitudine e doverosa riconoscenza”.

A ritirare l’Attestato, per conto dell’Omceo di Agrigento, il presidente Santo Pitruzzella che ha espresso “profonda gratitudine all’Amministrazione comunale e al comitato per la Festa della Legalità. La funzione primaria dell’Ordine – ha detto il presidente Pitruzzella – riguarda la tutela del diritto del cittadino e del diritto alla salute, la certezza di essere curati da professionisti accreditati, la garanzia di comportamenti professionali. Bisogna essere fedeli al giuramento di Ippocrate che ogni medico presta prima di iniziare la sua professione. Seguiamo gli esempi del professore Bosio e del professore Giaccone, medici che hanno scelto di percorrere la legalità come valore assoluto, etico, morale e deontologico. Ecco, a loro dobbiamo ispirarci”.

di Redazione
Pubblicato il Mag 12, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl