Pizzaiolo di Cianciana Andrea Giannone proclamato “Custode della Pizza Sicana”

Redazione

Ultime Notizie

Pizzaiolo di Cianciana Andrea Giannone proclamato “Custode della Pizza Sicana”

di Redazione
Pubblicato il Gen 15, 2020
Pizzaiolo di Cianciana Andrea Giannone proclamato “Custode della Pizza Sicana”

La Cifa Unione Pizzaioli Italiani, riconoscendo al socio chef pizzaiolo Andrea Giannone di Cianciana la volontà e l’impegno concreto nell’esercizio della sua professione, gli ha conferito il riconoscimento di Custode della Pizza Sicana “schietta, genuina e senza sofisticherie, antico pane delle feste, eccellenza gastronomica del territorio sicano”. La cerimonia per la consegna del riconoscimento, assegnato nell’ambito del progetto “Pizza Qualità Siciliana”, si è svolta ieri sera nel palazzo comunale di Cianciana a margine del convegno “Valorizzare e favorire nella ristorazione l’utilizzo dei prodotti agroalimentari locali provenienti dalla nostra agricoltura a tutela dei consumatori e dell’ambiente”promosso dalla Cifa Unione Pizzaioli Italiani.

L’iniziativa – che ha visto riuniti attorno a un tavolo esperti del settore agroalimentare, rappresentanti istituzionali, chef, pizzaioli, giornalisti e foodblogger – è stata patrocinata dal Comune e dall’assessorato regionale per l’Agricoltura. Testimonial dell’iniziativa l’attore britannico Ray Winstone. Sono intervenuti, tra gli altri, il sindaco di Cianciana Francesco Martorana, il presidente della Cifa Unione Pizzaioli Italiani Stefano Catalano; il dirigente dell’unità operativa fitosanitaria di Agrigento Pasquale Patti; il presidente regionale dell’associazione Disciples Escoffier International Giovanni Montemaggiore; il presidente della Libera Università Rurale Saper&Sapor Nino Sutera; il giornalista Michele Termine. L’incontro è stato moderato dal foodblogger Maurizio Artusi


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 34513 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings