Ultime Notizie

Ragazzo disperso su versante sud Etna, ritrovato da unità cinofile

Si è concluso in piena notte un intervento dei militari della Stazione Soccorso Alpino della Guardia di Finanza di Nicolosi

Pubblicato 7 mesi fa

Si e’ concluso in piena notte un intervento dei militari della Stazione soccorso alpino della Guardia di finanza di Nicolosi (CT), volto alla ricerca di un escursionista smarritosi, a causa delle cattive condizioni meteo e del sopraggiungere dell’oscurita’, sul versante Sud dell’Etna. Alle ore 19:00 circa, la Sala operativa della Guardia di finanza di Catania, allertata dai VV.FF, ha contattato i militari del S.A.G.F., comunicando la richiesta di soccorso da parte di una comitiva di escursionisti, i quali segnalavano che un loro amico non era rientrato all’appuntamento pattuito al rifugio “Salto del Cane”, a quota 1500 mt. s.l.m. – nel comune di Pedara (CT). Due pattuglie del S.A.G.F. di Nicolosi, coadiuvate da due Ucs (unita’ cinofile da soccorso della Guardia di finanza), si sono recate presso il punto di coordinamento avanzato per le ricerche dove, insieme ai CC, ai VV.FF e ai volontari del CNSAS, hanno analizzato le coordinate fornite dall’ultima cella agganciata dal telefonino del disperso nonche’ l’orografia del terreno per decidere la strategia migliore per iniziare le ricerche. I cani da ricerca, sensibilizzati all’odore organico hanno intercettato delle tracce e si sono diretti fuori dal sentiero battuto. I soccorritori hanno iniziato a gridare il nome del disperso e dopo svariati minuti hanno percepito una flebile risposta. Non senza difficolta’, a causa del terreno cosparso di rovi e salti di roccia, i soccorritori sono riusciti a individuare il ragazzo in discrete condizioni di salute. I finanzieri, grazie alla moderna strumentazione in uso e al prezioso contributo della Sala Operativa del Comando Provinciale della Guardia di Finanza che, attraverso la geo-localizzazione degli apparati radio portatili in dotazione ai militari li orientava nel percorso del ritorno, hanno raggiunto, intorno alla mezzanotte, un punto di ritrovo con gli altri soccorritori del SAGF. Dopo aver fatto salire a bordo di un mezzo il malcapitato, lo hanno accompagnato in un luogo sicuro. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *