Realmonte

Realmonte, si accende l’albero di Natale in uncinetto

Tante le iniziative di solidarietà per il Natale

Pubblicato 3 mesi fa

In una gremita piazza Umberto I  si è svolta la cerimonia di accensione  dell’albero di Natale a crochet, realizzato dal gruppo delle “uncinettaie”, coordinate da Silvana Burgio, autrici  in questa edizione del Natale,anche del Presepe all’uncinetto, collocato nella villetta comunale. Per la grande festa si sono esibiti in concerto gli alunni dell’Istituto Comprensivo “Garibaldi “di Realmonte, guidati dai docenti Stefano Tesè e Paolo Salemi. Un natale festoso,ma sottotono,per la prematura dipartita del Presidente del Consiglio comunale,Felice Vaccaro,venuto a mancare il mese scorso.  Una novità caratterizza  il Natale 2023, l’imprenditore Pietro Caruana, titolare del ristorante Osteria dei Folli, offrirà a coloro che vivranno la festa in solitudine ed ai meno abbienti,  un pranzo di beneficienza. Un’iniziativa proposta da Caruana e ben accolta dal sindaco Lattuca  e da don Fabio Maiorana.  Nella piazza sarà possibile visitare il mercatino  della solidarietà, a cura del Cif di Realmonte. Nei prossimi giorni l’amministrazione comunale, farà visita agli anziani ospiti delle strutture locali, accompagnati dagli zampognari e dai centauri della Scala dei Turchi, a cui seguirà giorno 21, la rappresentazione del Presepe Vivente a cura degli allievi dell’I.C. Garibaldi e la distribuzione di doni agli ospiti dell’Associazione Acuarinto. Il programma è frutto della collaborazione tra il Comune, la parrocchia, la scuola ed i  privati .  

 “Una cerimonia- afferma il sindaco Sabrina Lattuca- che ha scaldato i cuori  di tutta la comunità realmontina, nonostante il clima natalizio, abbiamo annullato alcuni appuntamenti , nel rispetto dell’assenza del presidente del consiglio comunale Felice Vaccaro. Un Natale all’insegna della solidarietà e della tradizione, con le novene, gli zampognari ed il carretto siciliano. Ringrazio la locale Stazione dei Carabinieri, don Fabio, la Dirigente , il prof. Tesè, Pietro Caruana, il CIF, le “Uncinettine”, il service, i dipendenti comunali, i ragazzi, le loro famiglie, le  associazioni,  i miei assessori e consiglieri che mi hanno collaborato  nell’organizzazione  dei diversi eventi, per questo Natale intessuto dove sono i ragazzi a tessere il futuro e la speranza “.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *