Agrigento

Loredana Guida, associazione Codici: “Emblematico caso di malasanità”

Lo scorso 5 ottobre, presso il Tribunale di Agrigento, si è celebrata l’udienza del processo a carico di tre medici per la morte di Loredana Guida.

Pubblicato 5 mesi fa

Lo scorso 5 ottobre, presso il Tribunale di Agrigento, si è celebrata l’udienza del processo a carico di tre medici per la morte di Loredana Guida. In aula c’era anche l’associazione Codici, ammessa come parte civile.

“Si tratta di un caso drammatico di malasanità – dichiara l’avvocato Giovanni Crimi, legale di Codici – e ci stiamo battendo affinché venga fatta giustizia. A nostro avviso ci sono una serie di responsabilità evidenti”.

La vicenda risale al gennaio 2020. Loredana Guida, giornalista ed insegnante di 44 anni, è da poco rientrata ad Agrigento da un viaggio in Nigeria quando inizia a lamentare un forte malessere, provocato da febbre alta. “Nonostante i medici fossero stati informati del viaggio in Africa – dichiara l’avvocato Crimi – e nonostante lo sapesse anche il medico di famiglia, nessuno pensò alla malaria. Per alcuni medici stava male perché aveva assunto una dose eccessiva di Ibuprofene, per altri era un’influenza stagionale. Nel primo accesso in ospedale, la donna rimase in attesa per circa 9 ore e dopo, per la spossatezza, rientrò a casa. Soltanto quando perse conoscenza e fu trasportata in ospedale in ambulanza, le venne fatto il test della malaria, che risultò positivo. Il tentativo di salvarla, però, fu tardivo e purtroppo vano. È logico chiedersi cosa sarebbe successo se la malaria fosse stata subito diagnosticata”.

“Sono tanti gli aspetti gravi che emergono da questa vicenda – afferma Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale di Codici – e che spesso ritornano nei casi di malasanità. Ci riferiamo, in particolare, alla comunicazione tra operatori sanitari e pazienti. C’è una donna che arriva in ospedale con febbre alta, racconta di essere tornata da un viaggio in Africa e nessuno pensa alla malaria. Altra questione, le lunghe attese al Pronto Soccorso. Non è ammissibile lasciare una persona sofferente ad aspettare per ore prima di essere visitata. Ci auguriamo che in questa vicenda si vada fino in fondo, perché è doveroso fare piena luce sul comportamento dei medici”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *