Poste Italiane realizza francobollo dedicato a “Lampedusa porta d’Europa”

Redazione

Agrigento

Poste Italiane realizza francobollo dedicato a “Lampedusa porta d’Europa”

di Redazione
Pubblicato il Dic 7, 2018
Poste Italiane realizza francobollo dedicato a “Lampedusa porta d’Europa”

Poste Italiane comunica che oggi 7 dicembre 2018 il Ministero dello Sviluppo Economico emette un francobollo ordinario appartenente alla serie tematica “il Senso civico” dedicato a Lampedusa porta d’Europa, relativo al valore della tariffa B pari a 1,10€.

Il francobollo è stampato dall’Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato S.p.A., in rotocalcografia, su carta bianca, patinata neutra, autoadesiva, non fluorescente. Tiratura un milione di esemplari. Foglio da quarantacinque esemplari. Bozzetto a cura di Gaetano Ielluzzo e Mimmo Paladino.

La vignetta riproduce l’opera realizzata da Mimmo Paladino denominata “Lampedusa” – Porta d’Europa”, un monumento alla memoria dei migranti che hanno perso la vita in mare, inaugurato nell’isola il 28 giugno 2008.

Completano il francobollo la leggenda “LAMPEDUSA PORTA D’EUROPA”, la scritta “ITALIA “e  l’indicazione della tariffa B.

L’annullo primo giorno di emissione è disponibile presso l’Ufficio postale di Lampedusa.

Il francobollo ed i prodotti filatelici correlati, cartoline, tessere e bollettino illustrativo, possono essere acquistati presso gli Uffici Postali con sportello filatelico, gli “Spazio Filatelia” di Firenze, Genova, Milano, Napoli, Roma, Roma 1, Torino, Trieste, Venezia, Verona e sul sito poste.it.

Per l’occasione è stato realizzato anche un folder in formato A4 a due ante contenente il francobollo, una cartolina annullata e affrancata, e una busta primo giorno di emissione, al costo di 12€.

Un francobollo realizzato da Poste Italiane dedicato a “Lampedusa Porta d’Europa”


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04