Connect with us
Apertura

Siculiana, bimbo di 8 anni morto in incidente: assolto automobilista

Nel 2016 il bambino si schiantò contro un'automobile a bordo di un vecchio motorino sottratto al nonno

Pubblicato 12 mesi fa

Assoluzione perche’ il fatto non sussiste: secondo il giudice monocratico Agata Anna Genna, la morte del piccolo Samuele Miceli, schiantatosi a 8 anni contro un’automobile a bordo di un vecchio motorino sottratto al nonno, non e’ da ricondurre a una responsabilita’ del conducente della vettura.

L’imputato – Massimiliano Spataro, 53 anni, di Realmonte – era accusato di avere tenuto una condotta di guida imprudente avendo frenato in ritardo e mantenuto una velocita’ elevata. La tragedia e’ avvenuta il 16 agosto del 2016 lungo la vecchia strada fra Siculiana e Montallegro. In un primo momento furono tre le persone iscritte nel registro degli indagati dalla Procura di Agrigento.

Sotto inchiesta finirono anche i genitori del piccolo ai quali si contestava di non avere vigilato adeguatamente. Le responsabilita’ a loro carico, comunque, sono state escluse. La Procura, invece, attraverso alcuni accertamenti tecnici aveva individuato nella condotta di guida di Massimiliano Spataro, che era alla guida della Volkswagen Passat, la causa dell’incidente. Secondo quanto ipotizzato dalla Procura, in particolare, l’imputato – al quale si contestava l’omicidio stradale – non avrebbe tenuto una condotta di guida prudente. Per questo non sarebbe arrivato a frenare in tempo.

Le indagini della Procura si sono concentrate su due aspetti: sull’eventuale responsabilita’ dell’automobilista e su possibili profili di colpa da parte dei genitori o del nonno del piccolo che si mise alla guida del motorino ad appena otto anni e, peraltro, senza il casco. Su quest’ultimo aspetto non sono arrivati riscontri all’ipotesi iniziale. Il pubblico ministero Antonella Carrozzieri aveva chiesto la condanna a 4 anni. Il difensore dell’imputato, l’avvocato Salvatore Maurizio Buggea, ha invece sostenuto che, dagli accertamenti tecnici eseguiti in dibattimento, e’ emerso che “e’ stato il motorino a invadere la corsia di marcia e l’imputato non ha superato i limiti non potendo, quindi, fare nulla per evitare l’impatto”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

10:25
11:22 - Corse clandestine di cavalli, maxi blitz nell’agrigentino  +++11:17 - Corse clandestine di cavalli, maxi blitz nell’agrigentino  +++10:46 - Agrigento, carabinieri consegnano bene interesse storico a Soprintendenza  +++09:50 - Trovato in possesso di scooter rubato, 19enne denunciato per ricettazione +++09:47 - Canicattì, 34 percettori reddito cittadinanza al lavoro per la città +++09:43 - Cianciana, ok alla sanatoria delle cartelle esattoriali +++09:33 - Comitini, consegnato pulmino per il trasporto degli alunni  +++09:27 - “Punteggio errato nella graduatoria”, accolto ricorso del Centro Studi Pirandello +++09:24 - Bullismo nei confronti di un coetaneo, misura cautelare per due minorenni +++09:22 - Inchiesta su Girgenti Acque, no all’utilizzo di molte intercettazioni  +++
11:22 - Corse clandestine di cavalli, maxi blitz nell’agrigentino  +++11:17 - Corse clandestine di cavalli, maxi blitz nell’agrigentino  +++10:46 - Agrigento, carabinieri consegnano bene interesse storico a Soprintendenza  +++09:50 - Trovato in possesso di scooter rubato, 19enne denunciato per ricettazione +++09:47 - Canicattì, 34 percettori reddito cittadinanza al lavoro per la città +++09:43 - Cianciana, ok alla sanatoria delle cartelle esattoriali +++09:33 - Comitini, consegnato pulmino per il trasporto degli alunni  +++09:27 - “Punteggio errato nella graduatoria”, accolto ricorso del Centro Studi Pirandello +++09:24 - Bullismo nei confronti di un coetaneo, misura cautelare per due minorenni +++09:22 - Inchiesta su Girgenti Acque, no all’utilizzo di molte intercettazioni  +++