“Uccise il cognato per difendere la sorella”: condannato a 17 anni e 4 mesi

Redazione

| Pubblicato il venerdì 14 Maggio 2021

“Uccise il cognato per difendere la sorella”: condannato a 17 anni e 4 mesi

L'omicidio avvenne in via Palladio, a Palma di Montechiaro
di Redazione
Pubblicato il Mag 14, 2021

Il gup del Tribunale di Agrigento, Francesco Provenzano, ha disposto la condanna a 14 anni e 4 mesi di reclusione nei confronti di Raimondo Burgio, 48 anni di Palma di Montechiaro, per l’omicidio del cognato  Ignazio Scopelliti, bracciante agricolo di 47 anni, assassinato con due colpi di pistola in via Palladio, il 2 novembre 2019. Stabilita anche una provvisionale di circa 300 mila euro nei confronti delle parti civili costituite (100 mila euro ciascuno a moglie e figlia)..

Esclusa la premeditazione nell’omicidio ma non sono state riconosciute le attenuanti generiche. Burgio, reo confesso, ha sparato due volte all’indirizzo del cognato.

In un primo momento era stato posto agli arresti domiciliari  in seguito al suo atteggiamento collaborativo e la particolare situazione vissuta in famiglia anche in considerazione delle numerose denunce che la stessa aveva depositato nei confronti dello Scopelliti.

La difesa è stata rappresentata dagli avvocati Francesco Scopelliti e Giovanni Lo Monaco mentre le parti civili, sono state rappresentate dagli avvocati Giuseppe Vinciguerra e Rossana Avanzato.

L’accusa, sostenuta in aula dal pm Emiliana Busto, aveva chiesto la condanna a 30 anni di carcere.  

di Redazione
Pubblicato il Mag 14, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl