Connect with us
Catania

Ustionato con olio bollente, bimbo dimesso dopo trapianto con pelle dei genitori

"Abbiamo fatto ricorso a tecniche avanzate - spiega il primario - come l'impianto di pelle donata da un genitore, che hanno portato, con interventi chirurgici multipli, a una completa guarigione"

Pubblicato 4 settimane fa

E’ stato dimesso dal centro Grandi ustioni dell’ospedale Cannizzaro di Catania, perché completamente guarito dopo un trapianto di pelle prelevata da un genitore, il bambino che il 4 novembre del 2022, quando aveva dieci mesi, a Catenanuova, nell’Ennese, riportò ustioni di terzo grado sul 55 per cento del corpo causate da olio bollente di una friggitrice.

Trasferito con elicottero del 118 al pronto soccorso pediatrico del Cannizzaro fu preso in cura dagli specialisti per il primo trattamento delle ustioni. Fu poi ricoverato, per sopraggiunte complicanze polmonari, nel reparto di Rianimazione pediatrica del Garibaldi Nesima di Catania. Un mese fa, una volta migliorate le condizioni generali, il piccolo paziente è stato riportato all’ospedale Cannizzaro, nel centro Grandi ustioni diretto dal dott. Rosario Ranno, dove ha potuto proseguire delle cure complesse.

“Abbiamo fatto ricorso a tecniche avanzate – spiega il primario – come l’impianto di pelle donata da un genitore, che hanno portato, con interventi chirurgici multipli, a una completa guarigione”. I familiari hanno voluto ringraziare tutti i professionisti che hanno assistito il bambino: i rianimatori pediatrici del Garibaldi diretti dalla dottoressa Giusy Stancanelli, gli anestesisti del Cannizzaro diretti dal dottor Savino Borraccino, l’équipe medica e infermieristica del centro Grandi ustioni, dove il bambino dovrà tornare per i controlli periodici. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

11:21
11:43 - Mafia: perquisita casa dell’ex amante di Messina Denaro +++11:42 - Lampedusa, torture e immigrazione clandestina: 5 fermi +++11:39 - Ambiente: Palermo e Catania tra le 12 città più inquinate, meglio Agrigento ed Enna +++11:02 - Palagonia, uccise lo zio ma non per legittima difesa: nipote finisce in carcere +++10:53 - Favara, finanziamento per la costruzione di una nuova mensa per la scuola “San Domenico Savio” +++10:49 - Furti di auto in centro città: arrestati sei giovani +++10:44 - Aiuti al comparto agricolo, la sezione Lega di Licata: “ottimo risultato” +++10:37 - Sorpreso a rubare pedane da un ponteggio: arrestato +++10:30 - Il pizzaiolo riberese Rafti torna a Casa Sanremo +++09:46 - Aica, la Consulta: “si rischia il commissariamento” +++
11:43 - Mafia: perquisita casa dell’ex amante di Messina Denaro +++11:42 - Lampedusa, torture e immigrazione clandestina: 5 fermi +++11:39 - Ambiente: Palermo e Catania tra le 12 città più inquinate, meglio Agrigento ed Enna +++11:02 - Palagonia, uccise lo zio ma non per legittima difesa: nipote finisce in carcere +++10:53 - Favara, finanziamento per la costruzione di una nuova mensa per la scuola “San Domenico Savio” +++10:49 - Furti di auto in centro città: arrestati sei giovani +++10:44 - Aiuti al comparto agricolo, la sezione Lega di Licata: “ottimo risultato” +++10:37 - Sorpreso a rubare pedane da un ponteggio: arrestato +++10:30 - Il pizzaiolo riberese Rafti torna a Casa Sanremo +++09:46 - Aica, la Consulta: “si rischia il commissariamento” +++