Agrigento, retata a luci rosse nel 2007: chiesti 11 rinvii a giudizio

Redazione

Agrigento

Agrigento, retata a luci rosse nel 2007: chiesti 11 rinvii a giudizio

di Redazione
Pubblicato il Giu 20, 2019
Agrigento, retata a luci rosse nel 2007: chiesti 11 rinvii a giudizio

Oltre dieci anni dopo la retata, l’inchiesta denominata “Dolce vita” che nel 2007 tanto clamore suscitò ad Agrigento, è arrivata al vaglio processuale.

Il pubblico ministero Elenia Manno ha chiesto il rinvio a giudizio di undici persone, con l’accusa di favoreggiamento dell’immigrazione clandestina ed esercizio della prostituzione. L’udienza preliminare si terrà il prossimo 4 luglio avanti il Gup Francesco Provenzano.

I carabinieri, in quel tempo, coordinati dall’allora Pm ad Agrigento (oggi a Ragusa) Santo Fornasier scoprirono una attrezzata casa a luci rosse camuffata da night club dove numerose donne rumene venivano fatte prostituire. Undici gli odierni imputati (un dodicesimo, Giancarlo Carusotto è stato giudicato a parte) che sono: Elena (detta Lilly) ed Elis Ana Acujboaei, 41 anni e 39 anni, Maria Balan, 64 anni, Robert Florin Tesoi, 35 anni; Neculai Zavache, 35 anni; Chiriac Vasile Sorm, 47 anni, tutti rumeni e i cittadini italiani Mario Ciulla, 35 anni e Giovanni Corvaia, 40 anni, di Agrigento; Vito Destro, 52 anni e Antonio Caramazza, 43 anni, di Favara; Andrea Amato, 48 anni, di Porto Empedocle.

Gli indagati avrebbero procacciato le prostitute rumene pagando loro il viaggio e promettendo facili guadagni. Per l’ingresso in Italia, avrebbero attestato falsamente l’ospitalità per altri motivi. Una volta arrivate in Italia le. rumene, sostiene l’accusa, venivano fatte prostituire nel night “La dolce vita”. All’interno del locale notturno vi sarebbero stati dei camerini che le ragazze  utilizzavano per  esercitare il mestiere più vecchio del mondo.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04