Giudiziaria

Contrabbando di tabacchi all’aeroporto di Catania, 3 arresti e una denuncia

Accurato screening i viaggiatori in arrivo nello scalo etneo con voli in transito o provenienti dalla Grecia

Pubblicato 6 giorni fa

Nell’ambito delle attività istituzionali volte alla repressione dei reati tributari ed extra-tributari svolte quotidianamente presso l’aeroporto internazionale di Catania-Fontanarossa, sulla base di specifiche attività di analisi di rischio e di monitoraggio dei flussi passeggeri funzionali all’azione di contrasto al contrabbando extra-ispettivo di tabacchi lavorati esteri (T.L.E.), il personale dell’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e i Finanzieri del Comando Provinciale della Guardia di Finanza di Catania hanno pianificato attività congiunte dirette a sottoporre ad un accurato screening i viaggiatori in arrivo nello scalo etneo con voli in transito o provenienti dalla Grecia.

Sovente i contrabbandieri provenienti da rotte Balcaniche, al fine di eludere i controlli alla frontiera, cercano di diversificare l’utilizzo dei vari aeroporti utili per entrare in Europa, puntando a scali di Paesi ove ritengono che i controlli doganali siano meno incisivi.

Le suddette attività di analisi e controllo hanno consentito di selezionare, presso lo scalo etneo, nel periodo aprile/luglio 2024, n. 4 passeggeri, tutti di nazionalità Bielorussa di cui n. 1 proveniente da Salonicco (Grecia) con transito su Stoccarda (Germania), n. 1 proveniente da Salonicco (Grecia) con transito su Atene (Grecia) e n. 2 provenienti da Atene (Grecia). Attraverso le mirate analisi di rischio congiunte, applicative del protocollo d’intesa recentemente stipulato tra il Corpo della Guardia di Finanza e l’Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, è stato così possibile identificare e controllare i bagagli dagli stessi trasportati al seguito, che risultavano contenere Tabacchi Lavorati Esteri di contrabbando, sprovvisti di contrassegno di Stato.

Le sigarette rinvenute sono state sequestrate, tre degli autori del reato di contrabbando tratti in arresto e posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria etnea e il quarto denunciato a piede libero per il medesimo reato, che prevede la reclusione da due a cinque anni.

La mirata attività ha permesso in sintesi di effettuare sequestri di T.L.E. per complessivi 215.500 grammi (215,5 Kg.), mentre i 4 soggetti responsabili dei fatti delittuosi e deferiti all’A.G. saranno altresì sanzionati ai sensi dell’art. 291-bis del D.P.R. 43/73 (Testo Unico delle Leggi Doganali) con la multa di € 5,16 per ogni grammo convenzionale di tabacco trasportato.

Tali risultanze mettono in evidenza il costante impegno istituzionale profuso sinergicamente da Guardia di Finanza e Agenzia delle Dogane e Monopoli nella lotta al contrabbando, volto ad assicurare il rispetto delle norme poste a garanzia della riscossione dei tributi doganali nonché alla prevenzione e repressione dei reati afferenti il contrabbando di merci soggette a diritti di confine.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *