Giudiziaria

“False residenze per avere permessi di soggiorno”, 6 misure cautelari

Per due dipendenti del comune di Ragusa è scattata la sospensione dell'esercizio di un pubblico ufficio o servizio

Pubblicato 5 giorni fa

Utilizzavano 13 abitazioni di Ragusa per il tempo necessario per permettere a migranti, prevalentemente tunisini, in cambio di “corpose somme di denaro”, di ottenere, tramite la complicità di due operatori comunali, la residenza anagrafica, indispensabile per la presentazione di istanze di rilascio o rinnovo del permesso di soggiorno o anche per il ricongiungimento familiare. E’ la tecnica utilizzata da sei persone, raggiunte da un provvedimento cautelare emesso dal gip su richiesta della locale procura, su indagini della Polizia, che ipotizza il reato di favoreggiamento dell’ingresso e della permanenza sul territorio nazionale di extracomunitari.

Tre indagati, compresa una donna, sono stati sottoposti agli arresti domiciliari; un’altra donna all’obbligo di dimora nel Comune di Ragusa; per due operatori comunali è scattata la sospensione dell’esercizio di un pubblico ufficio o servizio. Quest’ultimi due, secondo l’accusa, “a fronte della corresponsione di denaro omettevano di eseguire la verifica, limitandosi a dei controlli blandi e superficiali comunicando successivamente all’ufficio anagrafe il superamento dell’accertamento, in virtù del quale veniva successivamente concessa la residenza anagrafica nel Comune di Ragusa”.

Due degli destinatari della misura cautelare gestivano un centro di assistenza per stranieri a Ragusa. Secondo la Procura “uno degli arrestati avrebbe svolto un ruolo centrale: teneva i contatti stretti con i due operatori comunali e accompagnava e indirizzava gli stranieri nelle abitazioni, a loro ignote, nelle quali avevano richiesto di fissare la residenza e di farli trattenere per il tempo strettamente necessario al controllo dell’operatore”. L’inchiesta si basa su indagini della Squadra Mobile della Questura di Ragusa.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *