Connect with us
Giudiziaria

Mezzo chilo di marijuana in casa, quattro arresti

I carabinieri hanno trovato e sequestrato 500 grammi circa di marijuana e denaro in contante

Pubblicato 2 settimane fa

Nell’ambito dei servizi finalizzati al contrasto del traffico di sostanze stupefacenti, i Carabinieri della Stazione di Messina Giostra hanno arrestato, in flagranza di reato, quattro persone, tutte note alle forze dell’ordine, per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Nel corso di un mirato servizio antidroga, effettuato nel rione cittadino di Giostra, i Carabinieri hanno notato movimenti sospetti nei pressi dell’abitazione di un pregiudicato, noto alle forze dell’ordine per reati di spaccio, e pertanto sono stati predisposti servizi di osservazione del luogo. Ritenendo che nell’abitazione dell’individuo potesse essere detenuta della droga ed esercitata l’illecita attività di smercio della droga, i militari dell’Arma hanno perquisito l’abitazione, estesa ad un appartamento attiguo, in quel momento occupato dalla figlia 40enne, dal compagno e da un’amica. All’esito delle perquisizioni in entrambi gli appartamenti, i Carabinieri hanno trovato e sequestrato 500 grammi circa di marijuana, denaro in contante, ritenuto provento dello spaccio, oltre a materiale per il confezionamento dello stupefacente.

Ultimate le formalità di rito, i quattro individui sono stati arrestati, venendo posti a disposizione dell’Autorità Giudiziaria.

L’attività rientra nella costante azione di contrasto al traffico, allo spaccio e all’assunzione di sostanze stupefacenti, condotta dai Carabinieri e dalle altre Forze di Polizia, attraverso lo svolgimento di attività investigative, servizi di prevenzione e controllo del territorio delle aree più esposte al fenomeno, ma anche nell’ambito delle iniziative volte alla sensibilizzazione, soprattutto dei giovani, sulla tematica della droga, con particolare riferimento agli incontri sulla cultura della legalità che da tempo vengono effettuati nelle scuole.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

17:01
17:41 - Operatori Asacom di Palma di Montechiaro senza stipendio, il Pd: “si trovi una soluzione” +++17:24 - Incidente sul lavoro, cade dal tetto di un edificio e muore +++17:21 - Trasportava 230kg marijuana ma non lo sapeva, assolto autista  +++17:17 - Unikore, Salerno confermato presidente: Tomasello nuovo rettore +++17:10 - Auto, alla scuderia RO racing arriva Alessandro Gabrielli +++16:46 - Agrigento, svolgeva attività privata: medico dovrà risarcire Asp con 75 mila euro  +++16:43 - Mafia e Stidda nell’agrigentino, confermate misure cautelari per 5 indagati   +++15:14 - Avvelenò il marito, confermata la condanna a 30 anni +++15:08 - “Polis” di Poste italiane, all’evento 27 primi cittadini dalla provincia di Agrigento +++15:03 - L’Antimafia regionale si riunirà a Castelvetrano; un testimone a La Vardera: “Ai festini col boss” +++
17:41 - Operatori Asacom di Palma di Montechiaro senza stipendio, il Pd: “si trovi una soluzione” +++17:24 - Incidente sul lavoro, cade dal tetto di un edificio e muore +++17:21 - Trasportava 230kg marijuana ma non lo sapeva, assolto autista  +++17:17 - Unikore, Salerno confermato presidente: Tomasello nuovo rettore +++17:10 - Auto, alla scuderia RO racing arriva Alessandro Gabrielli +++16:46 - Agrigento, svolgeva attività privata: medico dovrà risarcire Asp con 75 mila euro  +++16:43 - Mafia e Stidda nell’agrigentino, confermate misure cautelari per 5 indagati   +++15:14 - Avvelenò il marito, confermata la condanna a 30 anni +++15:08 - “Polis” di Poste italiane, all’evento 27 primi cittadini dalla provincia di Agrigento +++15:03 - L’Antimafia regionale si riunirà a Castelvetrano; un testimone a La Vardera: “Ai festini col boss” +++