Giudiziaria

“Minaccia testimone chiave di un processo per stalking”, condannato imprenditore agricolo

Confermata la sentenza di primo grado

Pubblicato 12 mesi fa

La prima sezione penale della Corte di Appello di Palermo, presieduta dal giudice Adriana Piras, ha disposto la condanna a sei mesi di reclusione nei confronti di un imprenditore agricolo – S.B., 59enne originario di Camporeale – per intralcio alla giustizia. Confermata la sentenza di primo grado del gup Elisabetta Stampacchia. La vicenda è una “costola” di un delicato procedimento per stalking in cui il 59enne è imputato. L’imprenditore agricolo, in particolare, avrebbe dapprima promesso utilità al testimone chiave al fine di indurlo a rendere falsa testimonianza e, in seguito, avrebbe invece fatto pressioni su quest’ultimo (attendendolo all’ingresso di un panificio) facendo palese riferimento alla compagna e affermando “ho delle conoscenze e ti metto in mezzo ai tuoi parenti per capire se dici la verità” alludendo all’esame del teste. La parte civile, rappresentata dall’avvocato Ylenia De Francisci, ha ottenuto anche il risarcimento del danno subito.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *