Lampedusa

Randagismo, a Lampedusa sterilizzati 130 gatti e 16 cani

L'iniziativa, curata dall'Unità di Igiene Urbana e Lotta al Randagismo, guidata da Antonino Pecoraino

Pubblicato 2 mesi fa

La campagna di prevenzione del randagismo dell’Asp di Palermo ha fatto tappa a Lampedusa dove i veterinari dell’azienda sanitaria hanno sterilizzato 130 gatti e 16 cani. L’iniziativa, curata dall’Unità di Igiene Urbana e Lotta al Randagismo, guidata da Antonino Pecoraino, è stata realizzata in collaborazione con l’Amministrazione comunale e le associazioni di volontariato. “Sono stati effettuati anche numerosi sopralluoghi per il monitoraggio dei cani vaganti o randagi – ha spiegato Pecoraino – abbiamo promosso anche una attività di convincimento e promozione all’identificazione dei cani di proprietà dei cittadini. Un particolare ringraziamento va al Sindaco, Filippo Mannino, al Presidente del Consiglio comunale, Giacomo Mercurio, alla Polizia municipale ed a volontari e associazioni che hanno fornito un supporto indispensabile, senza il quale non si sarebbe potuto avere il notevole afflusso di gatti e cani da sterilizzare”. L’equipe – guidata da Antonino Pecoraino e composta dagli operatori della Unità canile sanitario di Palermo, i veterinari Sebastiano Lombardo, Alessandro Altomare e Luigi Arcuri e dall’assistente sanitario, Giovanni Francesco Cangelosi – ha anche impiantato 150 microchip. “Di particolare interesse – ha aggiunto Pecoraino – è stata l’attività didattica e informativa sul randagismo promosso nella scuola media e al liceo. Gli studenti hanno dimostrato particolare sensibilità sul tema”. Contemporaneamente all’attività della Unità di Randagismo, è stata impegnata a Lampedusa anche la Unità Servizio igiene degli allevamenti e delle produzioni zootecniche, guidata da Francesco Francaviglia che, oltre a dare supporto ai colleghi nel rispetto della interdisciplinarità, ha operato controlli sul benessere animale negli allevamenti ovini dell’isola. 

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *