Annullata (con rinvio) confisca 210 milioni di euro a imprenditore detersivi

Redazione

| Pubblicato il martedì 14 Settembre 2021

Annullata (con rinvio) confisca 210 milioni di euro a imprenditore detersivi

Riferimenti al noto imprenditore commerciale erano inseriti in alcuni pizzini trovati nel covo di Bernardo Provenzano
di Redazione
Pubblicato il Set 14, 2021

La seconda sezione della Cassazione ha annullato con rinvio il decreto di confisca nei confronti dell’ imprenditore del settore dei detersivi Giuseppe Sammaritano, 68 anni, di Palermo. Il provvedimento, che riguardava beni per un valore approssimativo di 210 milioni di euro, era stato emesso dalla sezione misure di prevenzione del tribunale nel 2016 ed era stato poi confermato dalla Corte d’Appello del capoluogo siciliano quattro anni piu’ tardi.

I provvedimenti riguardavano anche i familiari ma il prevenuto era solo Sammaritano, ritenuto appartenente all’associazione mafiosa. Riferimenti al noto imprenditore commerciale erano inseriti in alcuni pizzini trovati nel covo di Bernardo Provenzano, a Montagna dei Cavalli di Corleone (Palermo) l’11 aprile 2006. Tra i beni confiscati le societa’ Sicilprodet, Fratelli Sammaritano e Max Gros, aziende agricole e vari fabbricati, affidati all’amministrazione giudiziaria. La Cassazione, accogliendo i ricorsi degli avvocati Pier Paolo Dell’Anno, Baldassare Lauria e Salvatore Taverna, ha ordinato un nuovo processo di appello.

Secondo i difensori, il decreto della Corte di Appello di Palermo “e’ stato emesso in violazione di legge in ordine ai presupposti legali della confisca di prevenzione”. “Giuseppe Sammaritano – prosegue la nota dei legali – non e’ mai stato un imprenditore mafioso, al contrario e’ stato vittima della mafia. I giudici avevano ritenuto che fosse contiguo ad alcuni esponenti mafiosi nella meta’ degli anni ’90, a nostro avviso immotivatamente, senza specificare quali fossero realmente le attivita’ illecite svolte dal Sammaritano stesso, nei confronti del quale l’unica indagine per associazione mafiosa e’ stata archiviata per mancanza del benche’ minimo elemento indiziario. Quella confisca era una sorta di espropriazione generale senza alcuna base legale, ci aspettiamo adesso un processo piu’ equo”.

di Redazione
Pubblicato il Set 14, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl