Mafia, omicidio Agostino: “Ucciso perché cercava latitanti”

Redazione

| Pubblicato il mercoledì 09 Giugno 2021

Mafia, omicidio Agostino: “Ucciso perché cercava latitanti”

Lo scrive il gup di Palermo Alfredo Montalto nella motivazione della sentenza con cui ha condannato all'ergastolo per il duplice delitto, il boss Nino Madonia
di Redazione
Pubblicato il Giu 9, 2021

Nonostante i tentativi di depistaggio, e’ accertato che quello di Antonino Agostino, assassinato assieme alla moglie Ida Castelluccio, il agosto del 1989, fu un delitto di mafia. E che il movente e’ “collegato alla ricerca dei latitanti a cui Agostino si dedicava”. Lo scrive il gup di Palermo Alfredo Montalto nella motivazione della sentenza con cui ha condannato all’ergastolo per il duplice delitto, il boss Nino Madonia. Una sentenza arrivata dopo 32 anni dall’agguato e seguita a numerose archiviazione dell’indagine. Per l’omicidio di Agostino, agente di polizia che lavorava nei Servizi Segreti, e’ in corso un altro processo, col rito ordinario, a carico del capomafia Gaetano Scotto, e di un amico della vittima che risponde di favoreggiamento.

Il giudice che ha celebrato il processo in abbreviato, dopo l’avocazione dell’inchiesta da parte della Procura generale, individua anche una concausa dell’omicidio: i “rapporti che Cosa nostra, e, nel caso specifico, la cosca dei Madonia, intratteneva con esponenti importanti delle Forze dell’Ordine soprattutto collegati ai Servizi di Sicurezza dello Stato”. Il gup cita espressamente tra i soggetti appartenenti alle forse dell’ordine che avevano rapporti con Madonia, riportando le dichiarazioni di. diversi pentiti, l’ex numero due del Sisde Bruno Contrada, poi condannato per concorso in associazione mafiosa e lo 007 Giovanni Aiello nel frattempo deceduto. I Madonia dunque avrebbero deciso di eliminare il poliziotto “che pericolosamente si aggirava nel territorio dagli stessi controllato e teatro di incontri particolarmente riservati anche con esponenti delle Forze dell’Ordine e dei Servizi di sicurezza che nel tempo hanno rafforzato il potere di quella famiglia e dei loro alleati all’interno dell’organizzazione mafiosa”.

di Redazione
Pubblicato il Giu 9, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl