Licata, autorizzati nuovi indirizzo di studio all’istituto Fermi

Redazione

Licata

Licata, autorizzati nuovi indirizzo di studio all’istituto Fermi

di Redazione
Pubblicato il Set 11, 2019
Licata, autorizzati nuovi indirizzo di studio all’istituto Fermi

Il Commissario straordinario Girolamo Alberto Di Pisa ha autorizzato l’istituzione di nuovi indirizzi di studio per l’anno 2020/2021 all’Istituto d’Istruzione Superiore “E. Fermi” di Licata. Due i nuovi indirizzi: “Agricoltura, Sviluppo rurale, valorizzazione dei prodotti del territorio e gestione delle risorse forestali e montane” e un nuovo corso serale, percorso di secondo livello nell’indirizzo “Manutenzione e Assistenza  Tecnica”, già attivo nelle ore diurne nella sede dell’Istituto Professionale Industria e Artigianato.

La richiesta di realizzare i nuovi indirizzi di studio per l’anno 2020/2021 è stata inviata dal Dirigente Scolastico dell’I.I.S. “E. Fermi” di Licata, prof.ssa Amelia Porrello, al Libero Consorzio Comunale di Agrigento. L’istruttoria è stata curata dal Settore Politiche attive del Lavoro e dell’Istruzione

Per l’attivazione dei nuovi corsi dovranno essere utilizzate le aule già disponibili, oltre agli stessi laboratori degli altri indirizzi di studio. L’autorizzazione del Libero Consorzio è necessaria per la parte relativa ad eventuali oneri finanziari per gli edifici scolastici e per le aule da destinare ai nuovi indirizzi di studio. 

Dopo l’autorizzazione del Libero Consorzio toccherà all’Assessorato Regionale all’Istruzione di valutare la documentazione per la creazione di questi nuovi indirizzi.

  I nuovi indirizzi scolastici, se autorizzati, contribuiranno a migliorare l’offerta formativa da destinare agli studenti della provincia, creando possibilità di studio e formazione professionale in settori strategici per lo sviluppo della zona di Licata. 


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04