Connect with us
Palermo

Incendio sul traghetto Palermo-Napoli, tutti salvi i passeggeri

Tutti in salvo i 184 passeggeri fatti scendere dal traghetto, e circa ottanta membri dell'equipaggio

Pubblicato 2 settimane fa

Fiamme e paura ieri sera nel traghetto ‘Superba ‘di Gnv a causa di un incendio nei locali garage, presumibilmente partito da un tir. La nave era ormeggiata nel porto di Palermo, nel molo Santa Lucia, in attesa di partire alle 22 verso Napoli.

Il fuoco e il fumo hanno subito fatto attivare le procedure di emergenza. Sul posto i vigili del fuoco, a lungo in azione, i mezzi della Capitaneria di porto, le forze dell’ordine e le ambulanze del 118. Tutti in salvo i 184 passeggeri fatti scendere dal traghetto, e circa ottanta membri dell’equipaggio.

“Dobbiamo essere certi di evitare il rischio di flashover – aggiunge il comandante Inzerillo – Prima di entrare con i nostri operatori dobbiamo avere la certezza che sia garantita la loro incolumità per consentire loro di accedere alla stiva e raggiungere il punto da dove è partito il rogo. Stiamo monitorando la temperatura interna che al momento è ancora alta. Quando la temperatura sarà tale da permetterci di entrare all’interno del traghetto procederemo alle operazioni di spegnimento”.

“Sono stati sicuramente momenti di paura quelli vissuti all’interno della nave, ma alla fine cio’ che piu’ conta e’ che tutti i passeggeri siano stati tratti in salvo senza aver riportato conseguenze alla salute”, ha detto il sindaco Roberto Lagalla che intorno alle 23.30 e’ accorso al porto.

“Il danno e’ soltanto materiale – ha aggiunto – e ci consoliamo pensando al rischio che si sarebbe corso se l’incendio si fosse verificato mentre la nave era in navigazione. Ringrazio i vigili del fuoco, la capitaneria di porto, la polizia di frontiera e il personale dell’Autorita’ portuale per il tempestivo intervento per mettere in salvo i passeggeri e l’equipaggio della nave, per avere prestato loro assistenza e aver condotto le operazioni di spegnimento del rogo”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15:09
15:55 - Estorsione di 15 mila euro dopo aver urtato l’auto della donna di un mafioso: arrestato  +++15:50 - Attività produttive, Gualdani e Cimino nominati a Irsap e Consorzi Asi +++15:20 - Raffadali, spara e uccide il figlio: chiesti 24 anni per poliziotto +++15:19 - Esplode bombola gas in una villa: ferito un agrigentino +++15:03 - Minore sorpreso a spacciare scoppia in lacrime, arrestato +++13:39 - Valle del Belìce, La Rocca Ruvolo: ok emendamento per fronteggiare danni tromba d’aria di settembre +++13:38 - Le immagini del covo di Matteo Messina Denaro +++13:30 - Mafia, dentro il covo di Matteo Messina Denaro: le immagini  +++13:29 - Agrigento, tentata rapina all’Unicredit di Villaggio Mosè  +++13:22 - Abusi edilizi, Tar annulla sanzione pecuniaria del comune di Agrigento  +++
15:55 - Estorsione di 15 mila euro dopo aver urtato l’auto della donna di un mafioso: arrestato  +++15:50 - Attività produttive, Gualdani e Cimino nominati a Irsap e Consorzi Asi +++15:20 - Raffadali, spara e uccide il figlio: chiesti 24 anni per poliziotto +++15:19 - Esplode bombola gas in una villa: ferito un agrigentino +++15:03 - Minore sorpreso a spacciare scoppia in lacrime, arrestato +++13:39 - Valle del Belìce, La Rocca Ruvolo: ok emendamento per fronteggiare danni tromba d’aria di settembre +++13:38 - Le immagini del covo di Matteo Messina Denaro +++13:30 - Mafia, dentro il covo di Matteo Messina Denaro: le immagini  +++13:29 - Agrigento, tentata rapina all’Unicredit di Villaggio Mosè  +++13:22 - Abusi edilizi, Tar annulla sanzione pecuniaria del comune di Agrigento  +++