Palermo

Spedizione punitiva all’Ucciardone, gruppo sfregia altro detenuto

Lo dichiara Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria

Pubblicato 3 settimane fa

“Apprendiamo che in serata alcuni detenuti del carcere palermitano dell’Ucciardone, dopo aver sottratto le chiavi all’agente di polizia penitenziaria in servizio nella sezione detentiva, avrebbero aperto alcune celle e avrebbero sfregiato con un taglio sul volto un ristretto extracomunitario in quella che sarebbe stata una vera e propria spedizione punitiva. Immediatamente dopo, avrebbero restituito le chiavi e fatto rientro nelle rispettive celle”. Lo dichiara Gennarino De Fazio, Segretario Generale della UILPA Polizia Penitenziaria.

”Quanto accaduto, se confermato secondo la ricostruzione che ci è pervenuta, acclara che di fatto il controllo delle carceri è in mano alla criminalità che in qualsiasi momento può portare a termine i propri disegni criminosi, a prescindere dal diuturno impegno che, con profonda abnegazione, viene garantito dalle donne e dagli uomini del Corpo di polizia penitenziaria, i quali tuttavia possono davvero poco restando di fatto abbandonati a sé stessi. Mancanti di 18mila unità, sottoposti a turni massacranti, senza un apparato organizzativo degno di tal nome, con scarsissimi e inadeguati equipaggiamenti, stremati nel morale e nell’orgoglio di servitori dello Stato e, per giunta, esposti a procedimenti penali e disciplinari, con repentine sospensioni dal servizio quando, nonostante tutto, cercano a loro esclusivo rischio e pericolo di mantenere l’ordine e la sicurezza”, aggiunge il Segretario della UILPA PP.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *