Omicidio Vizzini: fermate quattro persone (ft)

Redazione

PRIMO PIANO

Omicidio Vizzini: fermate quattro persone (ft)

di Redazione
Pubblicato il Mar 28, 2019
Omicidio Vizzini: fermate quattro persone (ft)

Agenti del commissariato di Pachino hanno fermato quattro persone nell’ambito delle indagini sull’omicidio di Corrado Vizzini, vittima di un agguato il 16 marzo scorso a Pachino, nel Siracusano.

Si tratta di Massimiliano Quartarone, 22 anni; Sebastiano Romano, 28 anni; Giuseppe Terzo, 26 anni e Stefano Di Maria, 25 anni.

Stefano Di Maria, Sebastiano Romano, Giuseppe Terzo e Massimiliano Quartarone

La Polizia ha eseguito stanotte il provvedimento di fermo di indiziato di delitto emesso dalla Procura di Siracusa. Vizzini, 55 anni, è morto ieri mattina all’ospedale Di Maria di Avola dove si trovava ricoverato dopo l’agguato subito mentre rientrava nella sua abitazione: era stato centrato da quattro proiettili degli 8 esplosi dai killer. Le indagini, dirette dal sostituto procuratore Gaetano Bono e coordinate dal procuratore Fabio Scavone, avrebbero accertato che il commando avrebbe pianificato l’agguato nei minimi dettagli: due avrebbero agito come vedette per comunicare gli spostamenti di Vizzini e altri due sarebbero gli esecutori materiali dell’omicidio.

I motivi del delitto sono da ricercare probabilmente nell’ambito di una battaglia tra gruppi contrapposti per il controllo delle attività illecite, tra cui lo spaccio di droga. Il 9 febbraio scorso alcuni colpi di fucile furono esplosi dietro la porta di casa di Quartarone, che avrebbe deciso quindi di vendicarsi.

Le indagini, coordinate dal sostituto Gaetano Bono, hanno svelato il piano degli indagati per ammazzare Vizzini. Due avrebbero comunicato agli altri complici gli spostamenti dell’uomo raggiunto poi da 4 colpi di pistola mentre stava tornando a casa in sella al suo ciclomotore.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04