Connect with us
Ultime Notizie

“Ce l’abbiamo fatta Giovà”, la dedica anonima sulla lapide del giudice Falcone

Non c'è firma, solo una data, il 16 gennaio 2023

Pubblicato 2 settimane fa

La scritta è in stampatello, con una penna rossa: “Ce l’abbiamo fatta Giovà… Dopo 30 anni!!!”. Non c’è firma, solo una data, il 16 gennaio 2023. Ma ‘Giovà’ è Giovanni Falcone, e il bigliettino con questa dedica è sulla lapide della sua tomba, nella chiesa di San Domenico a Palermo. E allora anche la data si fa più chiara: Matteo Messina Denaro è in manette, a trent’anni da quelle stragi di Capaci e via D’Amelio che cambiarono il Paese. Sono tanti i biglietti e le dediche che chi passa dalla chiesa palermitana – un pantheon per i siciliani illustri – lascia sulla lapide del magistrato. Ieri si è aggiunto anche questo: di sollievo, di soddisfazione, forse anche di rabbia, con quei tre punti esclamativi, uno per ogni decennio in attesa della giustizia.

L’immagine è stata pubblicata sui social dalla Fondazione Falcone, che ha postato una foto doppia: il boss nelle mani dei carabinieri e la tomba del giudice, gremita di foglietti e messaggi. “Una giornata straordinaria – il commento della Fondazione alle foto – Un grande successo della Procura della Repubblica di Palermo e dell’Arma dei Carabinieri: il miglior modo per ricordare Giovanni Falcone e Paolo Borsellino nel trentesimo anniversario delle stragi. Siamo grati allo Stato e alle Istituzioni e anche in questa giornata di gioia siamo dalla parte giusta. Da un lato l’arresto dell’ultimo boss stragista Matteo Messina Denaro, il peggior criminale e latitante d’Italia, dall’altro la fiducia e la speranza che vincono: un giovane laureato che ha lasciato ieri in segno di impegno la sua corona di alloro sulla tomba”. E chissà chi ha lasciato quel biglietto ‘Ce l’abbiamo fatta’: piace immaginare che dietro quel plurale ci sia un collega della Procura, o magari un carabiniere. O forse non c’è nessuno dei due: forse a lasciare quel messaggio al giudice è stato un cittadino, un palermitano come tanti che si è sentito parte, in questi anni, della lotta alla mafia. Che ha fatto sua una delle lezioni di Falcone, scritta anche sul marmo di San Domenico: “Gli uomini passano, le idee restano. Restano le loro tensioni morali e continueranno a camminare sulle gambe di altri uomini”.

0 commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

15:38
16:16 - Messina Denaro, una donna: “L’ho frequentato, non sapevo fosse lui” +++15:24 - Le associazioni “Motorlife” e “L’angelo Federico onlus” nei corridoi dell’Ospedale San Marco +++15:03 - Minaccia con coltello la moglie, arrestato +++12:41 - Calcio a 5, vittoria per il Città di Canicattì contro il Pedara +++11:28 - Caso Suv, la Corte dei Conti cita due dirigenti del Comune: “Soldi sperperati” +++10:57 - Sambuca di Sicilia, rubate due moto da cross: indagini in corso +++10:32 - Alla Valle dei Templi tre alberi intitolati a Moncada, Fasulo e Fofò Purtuso +++10:03 - Il Tennis Club Città di Favara al II posto tra le scuole di Sicilia +++09:52 - Agrigento, auto a fuoco a San Leone: indagini  +++09:34 - Agrigento, auto a fuoco a San Leone: indagini  +++
16:16 - Messina Denaro, una donna: “L’ho frequentato, non sapevo fosse lui” +++15:24 - Le associazioni “Motorlife” e “L’angelo Federico onlus” nei corridoi dell’Ospedale San Marco +++15:03 - Minaccia con coltello la moglie, arrestato +++12:41 - Calcio a 5, vittoria per il Città di Canicattì contro il Pedara +++11:28 - Caso Suv, la Corte dei Conti cita due dirigenti del Comune: “Soldi sperperati” +++10:57 - Sambuca di Sicilia, rubate due moto da cross: indagini in corso +++10:32 - Alla Valle dei Templi tre alberi intitolati a Moncada, Fasulo e Fofò Purtuso +++10:03 - Il Tennis Club Città di Favara al II posto tra le scuole di Sicilia +++09:52 - Agrigento, auto a fuoco a San Leone: indagini  +++09:34 - Agrigento, auto a fuoco a San Leone: indagini  +++