banner-emergenza-coronavirus

Protesta (rientrata) nel carcere Piazza Lanza di Catania

Redazione

Catania

Protesta (rientrata) nel carcere Piazza Lanza di Catania

di Redazione
Pubblicato il Mar 13, 2020
Protesta (rientrata) nel carcere Piazza Lanza di Catania

Protesta la notte scorsa nel carcere di piazza Lanza a Catania: circa 80 detenuti hanno urlato, fatto rumore e appiccato il fuoco a lenzuola, con le fiamme che si vedevano dall’esterno di una finestra del secondo piano della struttura.

Protesta e appello detenuti Catania

La contestazione, iniziata poco prima di mezzanotte, legata alle restrizioni imposte per il contenimento del Covid-19, e’ durata alcune ore ed e’ rientrata dopo una ‘mediazione’ con la direzione e il capo della polizia penitenziaria dell’istituto. All’esterno del carcere, per precauzione, sono stati schierati polizia e carabiniere e bloccate le strade di accesso.


Protesta e appello detenuti Catania

Sulla vicenda e’ intervenuto il comitato Reddito-casa-lavoro che afferma di avere registrato il grido d’allarme lanciato da un detenuto “non siamo animali, abbiamo bisogno di cure, stiamo morendo…”. “Il rischio di contagio nelle carceri – aggiunge il comitato – in questo momento e’ altissimo per via del sovraffollamento e condizioni igienico-sanitarie precarie. Il governo non puo’ continuare a minimizzare, le conseguenze potrebbero essere irreversibili. La salute e la sicurezza devono venire prima di tutto, nei penitenziari cosi’ come all’esterno delle carceri.


Protesta e appello detenuti Catania

Il governo – chiosa la nota – deve redigere subito un decreto di amnistia o trasformare in domiciliari le pene i reati minori”.


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings