Uccise ergastolano libero per decorrenza termini: al via processo d’Appello

Redazione

Uccise ergastolano libero per decorrenza termini: al via processo d’Appello
| Pubblicato il venerdì 20 Novembre 2020

Uccise ergastolano libero per decorrenza termini: al via processo d’Appello

La vittima, uccisa il giorno di pasquetta, era stata condannata all'ergastolo per omicidio ma libero per decorrenza dei termini
di Redazione
Pubblicato il Nov 20, 2020

Entrerà nel vivo il prossimo 21 dicembre il processo di secondo grado – davanti la Corte d’Assise d’Appello – a carico di Orazio Rosario Cavallaro, 61 anni originario di Ravanusa, accusato di essere l’esecutore materiale dell’omicidio di Angelo Carità, licatese condannato all’ergastolo per omicidio ma scarcerato poco prima per scadenza dei termini di custodia. Cavallaro lo scorso dicembre è stato condannato all’ergastolo dal gup del Tribunale di Agrigento Luisa Turco. 

Carità venne ucciso il 2 aprile dello scorso anno, nel giorno di Pasquetta. Secondo la ricostruzione, supportata anche dalle riprese di una telecamera nelle adiacenze che avrebbe ripreso tutto, Cavallaro si sarebbe recato nei pressi del terreno di Carità con un’auto messa a disposizione da alcuni familiari e avrebbe esploso ben tre colpi di arma da fuoco letali per Angelo Carità.

L’indagine, che ebbe inizialmente difficoltà date dal fatto che non vi fosse collegamento tra vittima e omicida, subì una svolta sei mesi dopo l’efferato delitto grazie ai risultati dei carabinieri del Ris che trovarono tracce su una giacca usata da Cavallaro. Carità era stato condannato all’ergastolo per l’omicidio di Giovanni Brunetto, ucciso nel 2013.La Procura ipotizza un delitto su commissione, quello effettuato da Cavallaro, che avrebbe agito per “vendicare” il delitto.

di Redazione
Pubblicato il Nov 20, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings