Femminicidio Quaranta, il ricordo dei colleghi: “Lorena dolce e gentile”

Redazione

| Pubblicato il martedì 31 Marzo 2020

Femminicidio Quaranta, il ricordo dei colleghi: “Lorena dolce e gentile”

di Redazione
Pubblicato il Mar 31, 2020

Siamo sconvolti dalla morte di Lorena, nostra collega e amica. Una donna dolce e gentile che condivideva con noi i sogni e i sacrifici di chi si prepara a diventare un medico, perché il valore più alto che conosce è la Vita”. 

Questo quanto scrivono i colleghi di corso di Lorena Quaranta, la giovane di 27 anni di Favara, vittima oggi di femminicidio.

La giovane studentessa di medicina è stata uccisa dal convivente, il calabrese Antonio De Pace, che ha confessato il delitto.

“Si sarebbe laureata quest’anno con una tesi in Pediatria e l’amore che stava dedicando in questi mesi ai bambini del reparto era lo stesso che dedicava al prossimo, sempre col sorriso e la gioia negli occhi. La sua vita è stata portata via con un gesto terribile, infame e codardo che ha stroncato il suo futuro, un percorso che si apprestava a concludere e che tanto avrebbe dato alla nostra società, in termini professionali e umani.
Dall’anno scorso abbiamo in aula un “Posto Occupato” che rappresenta ogni vittima di femminicidio che non ha potuto inseguire i suoi sogni, ma non avremmo mai pensato di trovarci davvero con un posto vuoto, in aula e nel cuore: quello di Lorena“.

di Redazione
Pubblicato il Mar 31, 2020


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl