Totò Cuffaro: “Voglio far rinascere la Democrazia Cristiana”

Redazione

| Pubblicato il martedì 16 Novembre 2021

Totò Cuffaro: “Voglio far rinascere la Democrazia Cristiana”

Così, a Casa Minutella, talk show su Blogsicilia, l'ex presidente della Regione siciliana, Totò Cuffaro
di Redazione
Pubblicato il Nov 16, 2021

“Non mi vogliono nel centrodestra? Sono io che non vado da nessuna parte, né a destra, né a sinistra. Resto da solo al centro. Chi ha preteso di non invitarmi avrà avuto i suoi buoni motivi. Dico al centrodestra: non mi hanno invitato e ne ho preso atto. Adesso che tenteranno di invitarmi non si aspettino che io ci vada”. Così, a Casa Minutella, talk show su Blogsicilia, l’ex presidente della Regione siciliana, Totò Cuffaro.

“Ho pagato tutte le mie colpe, per intero, senza un giorno di sconto – aggiunge -. So di avere sbagliato, so di avere fatto degli errori, ho pagato il mio conto con la Giustizia. So, perché lo dice la Costituzione di avere un minimo di diritto, forse anche di dovere, nei confronti delle persone che mi vogliono bene, di poter continuare a vivere la mia vita. Posso farlo? Oppure devo essere bandito per sempre. Cosa devo fare? Come dice Victor Hugo, si rimane detenuti per tutta la vita? Ho fatto la detenzione che la legge mi ha chiesto di fare. L’ho fatto con dignità e con rispetto nei confronti della Giustizia. Ho ostinata fiducia nella Giustizia. Posso continuare a svolgere quello che credo essere un mio dovere, il lavorare per questa terra”.

“Non voglio – prosegue Cuffaro – che la storia della Dc finisca nel dimenticatoio come se non servisse più. Sono convinto che ci sia ancora la possibilità di far nascere un partito di valori, di poter riportare un partito ideale dentro la scheda elettorale. Perché la gente possa scegliere di votare un’idea. Voglio creare una nuova classe dirigente e so che non devo e non potrò mai più candidarmi. Per la nuova Dc sarò soltanto l’allenatore o il mediano di spinta dopo una vita da centravanti. Ho preso l’impegno di fare rinascere la Dc a partire dalla Sicilia. Spero che rinascendo in Sicilia, così come in Sicilia nacque prima il partito popolare di Sturzo e poi la Democrazia Cristiana di Alessi, questa idea possa avere fiato per risalire lo Stivale. Non ne sono sicuro, ma tenterò di farlo. Porterà la Democrazia Cristiana nei consigli comunali di Messina, Palermo, Catania e dove si voterà e presenteremo la lista per il rinnovo dell’Assemblea regionale siciliana, da soli al centro, senza compromessi a destra o a sinistra. A me interessa riportare la Democrazia Cristiana dentro al parlamento regionale. Dopo di ciò, finita questa avventura, torno a fare l’agricoltore e il medico in Burundi, dove per ora non posso andare perché lì il Covid è una cosa seria, lì sta morendo un sacco di gente”. 

“Il mio compito è vedere rinascere questo soggetto politico – sottolinea Cuffaro -. Non potrò fare il candidato, non posso ambire a incarichi istituzionali. Farò il padre nobile della Dc, sempre che in politica esista ancora la figura del padre nobile. Insomma, finite le elezioni regionali, a novembre del 2022, smetto con la politica. Sono convinto che la Dc riuscirà ad esprimere un gruppo di 6 o 7 deputati. A loro toccherà portare avanti la storia della Dc, a prescindere da me. Io non appartengo più a questa politica”. Per Palermo, aggiunge, “sentiamo la responsabilità di andare da soli al centro. Non è la nuova democrazia cristiana è una democrazia cristiana nuova. Vogliamo stare al centro”.

di Redazione
Pubblicato il Nov 16, 2021


Copyright © anno 2020 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 187 - 92100 Agrigento;
Numero di telefono 0922822788 - Cell 351 533 9611 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04

Change privacy settings

Realizzazione sito web Digitrend Srl