Omicidio marmista a Cattolica Eraclea, rinviato processo a Sciortino

Redazione

focus

Omicidio marmista a Cattolica Eraclea, rinviato processo a Sciortino

di Redazione
Pubblicato il Nov 10, 2018
Omicidio marmista a Cattolica Eraclea, rinviato processo a Sciortino

Ancora un rinvio nel processo a carico di Gaetano Sciortino, l’operaio di 53 anni accusato di aver ucciso il marmista Giuseppe Miceli, 67 anni, suo compaesano.

L’assassinio avvenne il 7 dicembre del 2015. Il movente non è mai stato accertato.

L’uidienza prevista ieri è saltata per l’assenza dei giudici popolari.

e indagini sull’omicidio, durate oltre un anno e mezzo, hanno subito una decisiva accelerata lo scorso autunno, nel mese di ottobre.
Decisivi – in tal senso – due momenti ben precisi che hanno indirizzato i carabinieri sulla pista che ha portato all’esecuzione della misura cautelare in carcere: il ritrovamento di alcune punte di trapano – oggetti che posseggono un numero seriale grazie al quale si è risaliti al proprietario, ovvero la vittima – e che erano state occultate dai figli di Sciortino in aperta campagna – e le analisi dei Ris di Messina su una scarpa ritrovata in un’area rurale appartenente al Sciortino che – a seguito di un confronto con le impronte ritrovate sulla scena del crimine – non hanno lasciato alcun dubbio. Sono stati alcune “imperfezioni” proprio sull’impronta lasciata da Sciortino a rendere “unica” quella prova.
Fondamentale è stata anche la collaborazione di alcuni esercenti del paese che, immediatamente, hanno fornito le immagini delle telecamere di sicurezza: da qui è emerso che Sciortino, prima di uccidere l’artigiano, aveva pedinato per quasi tre ore quella che sarebbe stata la sua vittima che sarebbe stata letteralmente massacrata all’interno della sua bottega con corpi contundenti quali un piatto di marmo, un booster e due motorini per autoclave.

Inoltre vi sarebbe il ritrovamento di una scarpa utilizzata dal presunto assassino che Sciortino, intercettato col gps, avrebbe tentato di far sparire non riuscendovi, una scarpa numero 43 (lo stesso numero calzato dall’accusato). I legali di Sciortino, che ha sempre respinto ogni accusa, però, hanno affermato che “il luogo del delitto è stato contaminato da tracce organiche che non appartengono a Miceli ma addirittura a un familiare della vittima” e si chiedono: “perché non indagare su questa versione alternativa?.

La prossima udienza è stata fissata per il 30 novembre.

Omicidio marmista a Cattolica Eraclea, rinviato processo a Sciortino


Dal Web


Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 -
Numero telefonico: 351 533 9611- 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 -
Iscrizione R.O.C.: 22361 - Registrazione al Tribunale di Agrigento n. 264/04