Dà fuoco alla casa della cugina per un’eredità, arrestato

Dà fuoco alla casa della cugina per un’eredità, arrestato

0
SHARE
Camillo Finazzo

Aveva dato fuoco alla villetta della cugina, a Castellamare del Golfo, in provincia di Trapani, per questioni di eredità. Stamattina i Carabinieri hanno arrestato con l’accusa di incendio doloso e violazione di domicilio Camillo Finazzo, 66 anni, commerciante. L’episodio risale al 3 gennaio scorso quando i militari furono chiamati a intervenire presso una villetta in contrada Ginisara completamente distrutta dalle fiamme generatesi dall’esplosione di alcune bombole di gas collocate in due stanze della casa e lasciate appositamente aperte. Appurata la natura dolosa dell’incendio, gli investigatori hanno cominciato a scavare nella vita della proprietaria della villetta, un’impiegata nubile di 49 anni la quale di non aver mai avuto problemi con alcuno se non qualche questione familiare con un cugino per l’eredità di una zia, ma non nutrendo comunque alcun sospetto sul conto di quest’ultimo. Determinanti per le indagini sono state le immagini delle telecamere di videosorveglianza pubbliche e private presenti nella zona della casa le quali, proprio la sera dell’incendio, hanno inquadrato il pick up del cugino della vittima dirigersi verso la villetta con a bordo, particolare fondamentale, un bidone di liquido infiammabile dello stesso colore di quello rinvenuto all’interno della casa. Lo stesso pick up è stato inquadrato nuovamente da altre telecamere in orari compatibili con il rientro presso la propria abitazione dopo aver innescato l’incendio e, questa volta, senza il bidone a bordo. I carabinieri hanno a quel punto approfondito la pista dell’eredità scoprendo che già in passato tra le due famiglie vi erano state delle questioni analoghe e che di recente i rapporti si erano nuovamente incrinati a causa di una abitazione lasciata in eredità da una zia sulla quale la famiglia della vittima aveva esercitato l’usucapione.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY