Agrigento, interrogazione di La Scala (M5s) su usura, pizzo e misure di...

Agrigento, interrogazione di La Scala (M5s) su usura, pizzo e misure di sostegno

0
SHARE
Il consigliere Marcello La Scala

Il Consigliere comunale del Movimento 5 Stelle Marcello La Scala ha presentato all’Amministrazione comunale un’interrogazione “ question time” sulle misure antiracket da attuare per sostenere gli esercenti di attività imprenditoriali, commerciali, artigianali e per i liberi professionisti, residenti ovvero aventi sede nel territorio comunale, che subiscono un danno ai propri beni e alla propria attività.

“Il Comune di Agrigento – scrive La Scala – è un ente impegnato nella lotta contro il racket, come testimonia anche il motto che compare nel suo stesso logo. La provincia agrigentina è quella dove purtroppo si registra da tempo un alto numero di estorsioni conosciute anche come racket o pizzo, ma anche fenomeni di usura. Forme di criminalità che, anche nella nostra città, minano le fondamenta e le possibilità di crescita e sviluppo, alimentando il potere dei gruppi criminali sul territorio.

Alcuni comuni in Sicilia – continua il Consigliere – hanno adottato misure per sostenere gli esercenti di attività imprenditoriali, commerciali, artigianali o i liberi professionisti residenti che, a causa di estorsione, pizzo e usura, subiscono un danno ai propri beni, alla propria attività o anche lesioni personali, affinché collaborino con la giustizia.

E’ di fondamentale interesse pubblico – aggiunge La Scala – sostenere i comportamenti di “ribellione” ai fenomeni estorsivi delle organizzazioni criminali, poiché le misure di sostegno a chi denuncia, non costituiscono un’indebita premialità, ma anzi fungono da elemento che agevola il ripristino di forme essenziali di reale libertà e concorrenzialità del mercato.

L’attività estorsiva e l’illecita concorrenza mafiosa, infatti, incidono compromettendoli, sui valori della libertà personale e della libera attività di impresa, limitando la potenzialità economica della azienda, vittima dei reati e determinando, addirittura, le condizioni della sua crisi e della sua estromissione dal mercato.

Per tali motivi si interroga l’Amministrazione comunale per sapere quali sono le iniziative a sostegno degli esercenti di attività imprenditoriali, commerciali, artigianali e dei liberi professionisti, che subiscono un danno ai propri beni e alla propria attività”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *