Mafia agrigentina, blitz “Icaro”: Secolonovo voleva uccidere “Peppi Catinazzu”

Mafia agrigentina, blitz “Icaro”: Secolonovo voleva uccidere “Peppi Catinazzu”

0
SHARE

Personale della Squadra Mobile di Agrigento, agli ordini del dottor Giovanni Minardi e di Palermo, diretta dal dottor Rodolfo Ruperti, hanno eseguito il provvedimento emesso dalla Sezione per il riesame dei provvedimenti cautelari personali e reali del Tribunale di Palermo, in forza al quale Gaspare  Nilo Secolonovo 43 anni, residente a Santa Margherita Belice veniva sottoposto alla misura cautelare degli arresti domiciliari con controllo elettronico a a distanza.

Gaspare Nilo Secolonovo, già in data 02.12.2015 veniva sottoposto alla misura dell’obbligo di presentazione alla P.G., in esecuzione dell’ordinanza di custodia cautelate (Operazione Icaro), emessa dal G.I.P. delTribunale di Palermo, Giangaspare Camerini, su richiesta di quella Dda – proc. Agg. Maurizio Scalia – sost. Rita Fulantelli ed Emanuele Ravaglioli.

A seguito di ricorso proposto dalla Procura distrettuale antimafia di Palermo, in data 26.01.2016 ilTribunale per il Riesame accoglieva parzialmente l’appello e, con il provvedimento di cui sopra, disponeva la nuova misura restrittiva che diventava definitiva il 02.03.2016, poichè Gaspare Nilo Secolonovo non proponeva ricorso in Cassazione.

Ma chi è Gaspare Nilo Secolonovo?

SE VUOI CONTINUARE LA LETTURA ACQUISTA IL SETTIMANALE GRANDANGOLO E SCARICALO SUL TUO COMPUTER O SMARTPHONE AL COSTO DI UN EURO.

Fai clic su ADD TO CART e si aprirà una finestra con un pulsante rosso. Clicca su di esso: ti apparirà una nuova finestra dove potrai acquistare il settimanale Grandangolo. Completato il pagamento riceverai una mail di ringraziamento con (in basso dentro la finestra stessa) un link che ti permetterà  di aprire un’ultima finestra da dove poter scaricare il file in pdf.

 

[simpleecommcart_add_to_cart id=”41″ ]

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY