Bimba di 9 anni violentata e uccisa: accusato si difende

Bimba di 9 anni violentata e uccisa: accusato si difende

0
SHARE

All’esame medico legale emergono elementi agghiaccianti: la piccola Maria Ungureanu, la bimba rumena di nove anni trovata morta in una piscina di un casale-resort di San Salvatore Telesino, nel Sannio, ha subito violenza sessuale ed e’ morta per annegamento. Ora saranno i risultati dei “tamponi” eseguiti durante l’autopsia a stabilire a quando risale la violenza e a verificare se si sia trattato o meno di un episodio isolato. Oggi i carabinieri di Benevento hanno ispezionato l’abitazione di un giovane rumeno, Daniel, di 21 anni, anche egli residente a San Salvatore Telesino. Il giovane e’ stato interrogato a lungo, nel cuore della notte, assistito dal suo avvocato, dagli investigatori e dal pm Maria Scamarcio che conduce le indagini sulla morte della piccola Maria. Poco prima dell’alba e’ tornato a casa, ma e’ stato iscritto nel registro degli indagati per omicidio e violenza sessuale: un atto dovuto, spiegano dalla Procura, per consentirgli di nominare un perito di parte che assistesse all’autopsia. Lui, Daniel, e’ tra le ultime persone ad aver visto Maria, con la quale avrebbe fatto un giro in macchina fino alla vicina Telese. Poi i due sarebbero tornati a San Salvatore Telesino e la piccola, che faceva la chirichetta ed era molto conosciuta in paese, si e’ recata in parrocchia per prendere parte ai festeggiamenti di Sant’Anselmo (poi sospesi per un improvviso temporale) dove e’ stata vista da diverse persone. Il giovane si difende. “Sono innocente, non avrei mai potuto farle del male. Per me era come una sorella”, ha detto agli investigatori alla presenza del suo legale Giuseppe Maturo. Cosa sia successo nella tragica sera di domenica e’ tutto da accertare. Chi ha incontrato Maria, con chi si sarebbe allontanata dopo la parrocchia per recarsi nel resort? E’ quanto stanno accertando i carabinieri del comando provinciale di Benevento, con il colonnello Pasquale Vasaturo, coordinati dal procuratore capo di Benevento, Giovanni Conzo. Nella stessa struttura, posta sotto sequestro, i militari sono tornati piu’ volte. Gli abiti della bimba erano in parte a terra e in parte su una sedia. Gli investigatori sono prudenti. Verificano ogni elemento con attenzione. Sul corpo della piccola non ci sono segni di escoriazioni e lesioni. L’acqua non e’ molto profonda e lei – dicono gli investigatori – non ha toccato ne’ il fondo, ne’ le pareti della piscina. La bambina, che non sapeva nuotare, quando e’ caduta in acqua non si e’ agitata. Era ancora cosciente? E’ quanto dovra’ accertare la perizia medico legale, con i relativi esami tossicologici, i cui risultati non saranno pronti prima di 60 giorni. Sono stati fatti prelievi anche per verificare se la piccola sia stata costretta a ingerire bevande alcoliche o a prendere sostanze stupefacenti. La vicenda ha sconvolto l’intera comunita’ di San Salvatore Telesino, dove la famiglia della piccola era molto conosciuta. Il padre, giunto in Italia alcuni anni fa, lavora come operaio, la mamma come badante: persone perfettamente integrate. La comunita’ rumena di San Salvatore e’ molto folta, circa 400 persone in paese agricolo di circa quattromila abitanti, a una trentina di chilometri da Benevento. Anche il giovane indagato e’ giunto in Italia da qualche anno e vive con una sorella. Una persona tranquilla, che finora non aveva mai fatto parlare di se’. Gli abitanti di San Salvatore si sono stretti intorno alla famiglia di Maria e hanno offerto piena collaborazione agli investigatori. Fuori dalla casa dei genitori si e’ radunata una folla di amici e conoscenti che vogliono esprimere la propria vicinanza. Lei, la madre, ancora incredula e stordita dal dolore, ripete: “Non ci posso credere, ce l’ho sempre davanti ai miei occhi”. Per il sindaco, Fabio Romano, si tratta “di un dramma che tocca il cuore, non solo dei cittadini di San Salvatore”, dice annunciando che il giorno dei funerali sara’ proclamato il lutto cittadino mentre domani iniziative per ricordare la piccola verranno decise dalle associazioni parrocchiali. “Fatti come quelli della bambina di San Salvatore Telesino sono un pugno nello stomaco, ti tolgono il respiro”, e’ il commento del presidente della Regione, Vincenzo De Luca. “Dobbiamo aumentare i momenti di cura e lavoro sul sociale. Ma fa riflettere anche il fatto che siamo in un’area interna, in un’area tranquilla: e anche li’ puo’ emergere la barbarie”.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY