Svaligiavano case del centro storico: arrestati tre topi d’appartamento

Redazione

Catania

Svaligiavano case del centro storico: arrestati tre topi d’appartamento

di Redazione
Pubblicato il Nov 3, 2016
Svaligiavano case del centro storico: arrestati tre topi d’appartamento

Da qualche mese i Carabinieri della Stazione di Vizzini tenevano d’occhio tre soggetti del luogo, sospettati di essere gli autori di alcuni furti in abitazione.

Furti consumati velocemente, nelle ore più diverse della giornata, approfittando della temporanea assenza dei padroni di casa o della consapevolezza di poter agire in modo pressoché indisturbato per l’incapacità delle vittime di reagire.

Circostanze queste che, esaminate attentamente, non lasciavano dubbi sul fatto che ad agire fossero proprio persone del posto, ben informate sulle abitudini delle vittime, ottimi conoscitori delle strade, dei vicoli, della città.

Nella mattinata di oggi, mentre la pattuglia della Stazione era fuori per il consueto giro di controllo in paese, la notizia di un altro furto consumato in centro ne attivava l’immediato intervento. Uno dei militari ricordava di aver notato proprio nei pressi dell’abitazione della vittima uno dei tre soggetti sospettati e la pronta ricerca dava subito i suoi frutti. Venivano infatti rintracciati il 25enne Emanuele Bassoreale, già gravato da pregiudizi penali, un 34enne ed un  30enne, tutti residenti a Vizzini, che sottoposti a perquisizione venivano trovati in possesso della refurtiva poco prima trafugata: numerosi monili in oro e circa 5.000 euro in banconote di vario taglio, di cui naturalmente non sapevano dare alcuna spiegazione circa il legittimo possesso.

Dopo il formale riconoscimento della refurtiva da parte delle vittime, i tre venivano dichiarati in arresto e per loro si aprivano le porte di ben altri appartamenti, ad attenderli questa volta erano le celle di Contrada Noce a Caltagirone.

 

 


Dal Web


  • Catania

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • Catania

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • Catania

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • Catania

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361