Agrigento, il giudice ordina: demolite gli abusi edilizi del “Principessa Zaira”

Agrigento, il giudice ordina: demolite gli abusi edilizi del “Principessa Zaira”

0
SHARE
Principessa Zaira, ingresso ed insegna

Principessa Zaira, manufatti
Principessa Zaira, manufatti
Principessa Zaira, manufatto
Principessa Zaira, manufatto
Principessa Zaira, ingresso ed insegna
Principessa Zaira, ingresso ed insegna
Principessa Zaira, ingresso
Principessa Zaira, ingresso
Vigili del fuoco da Arnone
Vigili del fuoco da Arnone
Con un provvedimento del giudice dell’esecuzione del Tribunale di Agrigento, Francesco Gallegra, è stata disposta la demolizione di due manufatti adibiti a cucina e realizzati abusivamente all’interno del piccolo anfiteatro meglio conosciuto come Principessa Zaira. Stamani è stato depositato il provvedimento in cancelleria e pertanto ciò che era stato deciso, su sollecitazione della Procura della Repubblica di Agrigento, verrà eseguito. Pare tuttavia, come trapelato a fine della scorsa settimana che alla demolizione provvederà lo stesso proprietario, Giovanni Scibetta, che attraverso il suo legale di fiducia, avvocato Riccardo Rosso aveva presentato istanza di sospensione del provvedimento di demolizione.
Dunque, ore contate per le due realizzazioni abusive e fine di una polemica insensata sollevata dall’ex ambientalista Giuseppe Arnone, da tempo all’attacco della Procura, e ripresa da pochi media. Arnone ha sostenuto che comunicati della Procura avevano dato per abbattuti i manufatti abusivi, circostanza non vera, ed ha inscenato una gazzarra indegna partendo da questo dato falso. In realtà, come avvenuto, gli abusi non potevano essere demoliti sino a quando non fosse intervenuto il provvedimento del giudice dell’esecuzione. Provvedimento che è esecutivo da oggi. Ieri Arnone aveva affisso uno striscione offensivo contro i magistrati proprio dinnanzi il Palazzo di giustizia e si è registrato qualche trambusto con l’intervento di Polizia, Carabinieri e Vigili del fuoco, questi ultimi pronti a rimuovere lo striscione. Striscione che poi è stato rimosso dallo stesso Arnone evitando così un provvedimento giudiziario.

NO COMMENTS

LEAVE A REPLY

* Copy This Password *

* Type Or Paste Password Here *