Assassinio maresciallo Mirarchi: continua la caccia a killer

Redazione

PRIMO PIANO

Assassinio maresciallo Mirarchi: continua la caccia a killer

di Redazione
Pubblicato il Giu 3, 2016
Assassinio maresciallo Mirarchi: continua la caccia a killer

Marsala come il Far West per i modi cruenti adottati dalla criminalita’ che gira attorno alla droga: due giorni fa qualcuno ha sparato in piena notte contro il maresciallo dei carabinieri Silvio Mirarchi, 53 anni, ferito con colpi di pistola al rene e all’aorta durante un servizio antidroga e morto ieri in ospedale a Palermo. Le indagini condotte dai carabinieri e coordinate dal pm di Marsala, Anna Cecilia Sessa, proseguono senza sosta e il primo risultato e’ stato il ritrovamento di due serre con seimila piante di marijuana (che avrebbero fruttato 4 milioni di euro) e l’arresto di un cinquantaquattrenne di Partinico (Palermo), Francesco D’Arrigo, proprietario o gestore delle serre. Il maresciallo, originario di Catanzaro, lascia la moglie Antonella, 50 anni, maestra elementare di Marsala, e due figli: Debora, 23 anni, neuropsicologa che vive a Chieti, e Valerio, 18 anni, che a Marsala frequenta il quarto anno del liceo classico Giovanni XXIII. Mirarchi era originario di Catanzaro, dove vivono ancora i familiari. Oggi la madre e i fratelli sono arrivati in Sicilia, mentre a Milano il ministro dell’Interno, Angelino Alfano, nel Settantesimo della Repubblica, ricordando il maresciallo assassinato dice: “in questo giorno versiamo una lacrima per chi, anche col sacrificio della propria vita, serve la patria”. Il senatore Benedetto Della Vedova, sottosegretario agli Esteri, spiega che “il costoso e inutile proibizionismo sulla cannabis ci sta portando i narcos in casa”. Intanto, si fa strada l’ipotesi che a sparare siano state delle persone a guardia delle coltivazioni di marijuana, come era accaduto un paio di settimane fa, quando due romeni erano stati colpiti da fucilate in una zona tra Marsala e Mazara del Vallo dai custodi di una piantagione di canapa indiana. Uno di loro, ferito, era riuscito a fuggire. Dell’altro, invece, si sono perse le tracce. Qualche giorno dopo un cadavere carbonizzato e’ stato trovato a circa un chilometro di distanza e non ha ancora un’identita’: i carabinieri stanno indagando, anche con accertamenti del Ris e l’impiego di cani “molecolari” della polizia, per stabilire se il cadavere e’ quello del romeno scomparso. Invertendo i ruoli nella vicenda dei due romeni, non si esclude un’altra ipotesi, e cioe’ che a sparare ai due carabinieri in borghese, scambiandoli per i gestori delle serre, siano stati i ladri durante un furto di piante. A Marsala e la zona tra Mazara del Vallo e Trapani – insieme ad alcune aree dell’Agrigentino e del Siracusano – nell’ultimo anno anno sono state sequestrate decine di piantagioni di cannabis. Un business portato avanti dalla criminalita’ locale che non sembra, finora, avere collegamenti con la mafia. A Marsala l’ultimo “coltivatore diretto” di marijuana scoperto e’ Antonio Zerilli, che aveva impiantato una piccola piantagione nel giardino di casa e vendeva direttamente la droga. L’ultima operazione antidroga un po’ piu’ consistente (250 tra piante e piantine) era stata portata a termine dai carabinieri in un uliveto di contrada Amabilina. In quell’occasione fu arrestato un quarantunenne, Antonino Nibbio, che patteggio’ una condanna a un anno e mezzo, pena sospesa.


Dal Web


  • PRIMO PIANO

    Blitz “Montagna”, pizzo sui migranti: “Spaventiamo tutti”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Un rullo compressore la mafia di Agrigento, "molto più pericolosa e seria", altro che quella palermitana, considerata inaffidabile. Di più, le cosche agrigentine, la loro prontezza e organizzazione "spaventa tutti". Non è solo una questione di prestigio. Si tratta soprattutto di affar..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    “Operazione Montagna”, la conferenza stampa alla Dda di Palermo

    di Redazione
    Pubblicato il 22 01 2018

    https://youtu.be/Bv32lBLBQW8..

    Continua a Leggere

  • PRIMO PIANO

    Operazione Montagna, colonnello Pellegrino: “Blitz sia segnale di fiducia nei confronti delle istituzioni”

    Pubblicato il 22 01 2018

    Quindici capi mafia arrestati. Una cosca decapita. La famiglia mafiosa agrigentina che perde quote di vertici e di gregari. La strada però resta in salita. Perché la mafia agrigentina è una mafia che “risponde a un’ortodossia antica. È il fiore all’occhiello della mafia siciliana”. <..


  • PRIMO PIANO

    Operazione “Montagna”: a Favara comanda Pasquale Fanara

    Pubblicato il 22 01 2018

    Dall'operazione antimafia "Montagna" dei carabinieri del Comando provinciale di Agrigento che hanno eseguito 56 ordinanze di custodia cautelare nei confronti dei vertici dei mandamenti e delle cosche di Cosa nostra dell'Agrigentino emergono importanti novità sugli assetti mafiosi territoriali e sul..


  • Copyright © anno 2017 - Edizioni Grandangolo - Via Mazzini, 177 - 92100 Agrigento - Codice Issn: 2499-8907 - Iscrizione R.O.C.: 22361